LO SAPEVI CHE

u’ Trunzu di Jaci: eccellenza del territorio di Acireale

8133944240 347cc7bdc9 B

Gli è stata da pochi giorni dedicata una sagra che celebra la sua peculiarità, stiamo parlando del  Trunzu di Jaci, un cavolo rapa, coltivato nel territorio di Acireale e in molte delle sue frazioni e comuni limitrofi come: Aci Sant’Antonio, Aci San Filippo, Aci Catena, Aci Bonaccorsi, Acitrezza, Aci Castello.

In maniera limitata, la sua coltivazione sta prendendo piede anche nelle aree etnee di Milo e Adrano.

E’ un ortaggio che appartiene alla famiglia delle brassicacee e ai cruciferi e ingloba cavoli, cavoletti, broccoletti, cavolfiori. U trunzu è molto diffuso in Sicilia orientale ed è alla base di molte ricette tipiche della nostra zona. E’ riconosciuto quale prodotto sloow food ed è diventato protagonista al Salone del Gusto di Torino del 2013 e del 2014. Largo impiego ha avuto come ingrediente in alcuni programmi televisivi di successo come MasterChef Italia. Questo ortaggio è molto apprezzato sia per le sue proprietà benefiche che per il suo gusto.

Origine e significato del nome “Trunzu

Quella del “trunzu” è stata in passato una delle produzioni più abbondanti delle campagne etnee, soprattutto della zona dell’acese.

Il nome trunzu dal termine spagnolo “trompicar”, che significa inciampare e identifica il troncone,  il ‘torsolo’, il fusto del cavolo. Con spregio i catanesi, soprattutto in passato, erano soliti  rivolgersi agli acesi con l’appellativo dispreggiativo di trunzu, col significato di  ‘testa di rapa’ o di persona inconcludente.

Tante sono le espressioni locali in cui ricorre questa parola. Ecco le più pregnanti:

Trunzu trunzu” col significato di sfacciatamente.
Pàmpina assumiglia a trunzu” è un’espressione che indica che spesso il figlio assomiglia al padre.
Arristari a trunzu” significa rimanere fermi e inerti in mezzo alla strada. (Approfondisci cliccando qui: http://www.salviamoilsiciliano.com)

U' trunzu di Jaci è uno degli ortaggi più apprezzati del nostro territorio grazie alle sue tante proprietà.

U’ trunzu di Jaci è uno degli ortaggi più apprezzati del nostro territorio grazie alle sue tante proprietà. Fonte foto: http://www.vdj.it.

Dalle bancarelle dei mercati ortofrutticoli di tutta la provincia di Catania a presidio Slow Food

Quella del trunzu è una coltivazione tipica della zona etnea ed è una verdura crucifera dalle caratteristiche uniche. Come per altri prodotti della stessa area, il colore e le proprietà vengono influenzate dal territorio lavico. Proprio gli elementi tipici dell’Etna fanno in modo che questo particolare cavolo rapa assuma il colore violaceo, come nel caso del broccolo o cavolfiore violetto o del carciofo. Anche il gusto deriva da questo connubio di elementi.

Ha piccole dimensioni anche se caratterizzato da grossi e lunghi rami. La parte edule è quella violacea. Si coltiva tra maggio e giugno, tra ottobre e novembre.

Era, negli anni passati, protagonista nei mercati ortofrutticoli di Catania. Il periodo d’oro di questo ortaggio è stato negli anni Cinquanta, ben presto venne soppiantato da altre produzioni. Oggi il trunzu di Jaci è divenuto una varietà molto ricercata e commercializzata in tutta Italia, grazie alla specifica di presidio slow food, sostenuto dall’Assessorato delle risorse agricole e alimentari della Regione Siciliana. Per quanto riguarda l’area etnea, questo marchio è stato assegnato alle mele dell’Etna, al pistacchio di Bronte, alla provola dei Nebrodi e al suino nero.

Le particolarità del Trunzu di Jaci,apprezzata sia per le sue proprietà benefiche che per la sua bontà, sono soprattutto date dal terreno lavico ricco di elementi unici, che gli conferisce anche il tipico colore violaceo, capace di influenzare il gusto del prodotto stesso.

Le particolarità del Trunzu di Jaci,apprezzata sia per le sue proprietà benefiche che per la sua bontà, sono soprattutto date dal terreno lavico ricco di elementi unici, che gli conferisce anche il tipico colore violaceo, capace di influenzare il gusto del prodotto stesso. Fonte foto: https://it.m.wikipedia.org. Autore: Anita Martinz

La sagra: u’ trunzu di Jaci

Nata nel 2017, questa sagra ha raggiunto con successo la terza edizione. Si è tenuta dal 5 al 7 luglio ad Acireale, all’interno della piazza Cappuccini oggi intitolata a Peppino Impastato, dove si è dato spazio a tante degustazioni di pietanze a base di Trunzu come pasta, salciccia, insalate e arancini e anche torte e dolci proposti in veste tradizionale e innovativa. Questo prodotto sta destando sempre più curiosità ed interesse a livello nazionale.

La sagra è nata con lo scopo di promuovere, far conoscere, destinare nuovamente al consumo abituale, questo particolare prodotto del territorio e della splendida città di Acireale, una delle capitali del barocco siciliano.

Proprietà e ricette

U’ trunzu di Jaci è una verdura salutare e ricca di benefici per il nostro organismo. Dovremmo tutti incentivarne l’uso. E’ un ingrediente versatile, completo e può essere preparato in mille modi. E ‘ricco di vitamina C, contiene molti minerali e ha proprietà antiinfiammatorie e antiossidanti e fitoterapiche. Svolge anche un’ azione depurativa e, secondo alcuni studi, previene l’insorgere di diverse patologie neoplastiche. Aiuta inoltre a mantenersi in forma grazie al suo basso contenuto calorico e a contrastare la cellulite.

Si mangia in diverse varianti sia crudo che cotto. E’ impiegato crudo in insalate o può essere gustato con delle salse.  Se cucinato si fa bollito o stufato, per accompagnare i secondi di carne. Inoltre è largamente usato in piatti tipici come pasta con pomodoro e  come gustosa variante della tipica pasta con le sarde.

Innovativo il suo utilizzo nelle bevande e nei cocktail alcolici.

Fonte foto copertina: https://www.flickr.com, autore: Alessio Ricci.

Fonte: http://www.vdj.it

Sabrina Port

Autore: Sabrina Port

Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, con il sogno del giornalismo, scrive da alcuni anni su testate locali, cercando di valorizzare quanto di più bello c’è nella nostra Sicilia e a Catania.

u’ Trunzu di Jaci: eccellenza del territorio di Acireale ultima modifica: 2019-07-15T09:00:13+02:00 da Sabrina Port

Commenti

To Top