NATURA

La deliziosa e salubre Ciliegia dell’Etna DOP

Sono tante le eccellenze in campo agro alimentare, commercializzate in tutto il mondo, che promuovono il nostro territorio grazie all’esportazione, tra di esse si annovera la deliziosa Ciliegia dell'Etna DOP.

Sono tante le eccellenze in campo agro alimentare, commercializzate in tutto il mondo, che promuovono il nostro territorio grazie all’esportazione. Vi abbiamo parlato del vino dagli splendidi vigneti di Milo, Sant’Alfio, Viagrande, Castiglione di Sicilia, Randazzo, Linguaglossa, dell’olio di Ragalna e zone limitrofe, del miele di Zafferana, del cavolfiore violetto, del carciofo violetto, il pistacchio di Bronte, che determinano un patrimonio unico e ricco di qualità e gusto. Molte di queste prelibatezze sono anche “Slow Food“. A questi ben noti prodotti si aggiungono altre primizie della terra, proprie della bella stagione: le fragole di Maletto e soprattutto la Ciliegia dell’Etna, che vanta il marchio DOP, assieme al Fico d’india dell’Etna.

A’ cirasa

La cirasa, dal greco kèrasos,  o “ciriegia”, in dialetto, è uno dei frutti più amati. La fioritura avviene in primavera. Assieme ai fiori del mandorlo caratterizza i nostri paesaggi ed è uno degli spettacoli più belli che la natura ci possa offrire. Il fiore di ciliegio, detto sakura, è il simbolo del Giappone. L’Asia è la sua terra di derivazione.

La raccolta di questo delizioso e bel frutto avviene infatti nel periodo che va dagli ultimi giorni di maggio fino ai primi di luglio e viene fatta ancora oggi a mano, con l’ausilio di specifici attrezzi della tradizione accanto a tecniche innovative miranti a offrire il prodotto nella sua veste migliore. L’albero di ciliegio viene anche coltivato per il suo legno rosato per lavori di ebanisteria pregiati.
Per la Chiesa cattolica la ciliegia ha anche un suo Santo protettore: San Gerardo dei Tintori, patrono di Monza.

Cherry 2458278 960 720

Le deliziose ciliege dell’Etna, prodotto a cui è stato assegnato l’importante riconoscimento D.O.P. Fonte foto:https://pixabay.com. Autore: alfbel .

La ciliegia dell’Etna DOP

Tra le eccellenze agroalimentari coltivate sui territori che risentono delle caratteristiche dell’Etna, si annoverano le deliziose ciliege dell’Etna, prodotto a cui è stato assegnato l’importante riconoscimento D.O.P. nel 2006, con decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 289 del 13 dicembre 2006. Sono coltivate in una zona che si estende dal Mar Ionio fino a 1600 metri sul livello del mare e comprende i Comuni di: Giarre, Riposto, Mascali, Fiumefreddo di Sicilia, Piedimonte Etneo, Linguaglossa, Castiglione di Sicilia, Randazzo, Milo, Zafferana Etnea, S. Venerina, Sant’Alfio, Trecastagni, Pedara, Viagrande, Nicolosi, Ragalna, Adrano, Biancavilla, S. Maria di Licodia, Belpasso, Aci S. Antonio, Acireale.

La ciliegia Mastrantonio, conosciuta anche come Raffiuna di Trecastagni, Don Antoni  (Donnantonio) e Durone dell’Etna è la varietà di ciliegia più apprezzata ed è inserita nell’elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (P.A.T.).

La coltivazione della Ciliegia dell’Etna

Essa risale a tempi molto antichi collegati a tecniche di coltivazione proprie del nostro territorio etneo. Si ottiene dalla varietà di ciliegio dolce Prunus avium L., della famiglia delle Rosaceae. Produce un frutto medio grande, dalla polpa compatta e abbastanza dolce, con un buon equilibrio fra acidità e zuccheri.

Tutto ciò è dovuto, come detto, alla stretta convivenza con le colate dell’Etna che rilasciano nel terreno sostanze che ne determinano caratteristiche organolettiche, colore, ecc. La ciliegia dell’Etna DOP è ricca di vitamine, calcio, ferro, potassio, di sostanze che proteggono il cuore, di antiossidanti, diminuisceil rischio di malattie cardiovascolari, rafforza i capillari, in quanto frutto rosso.

Il “Consorzio per la Tutela della Ciliegia dell’Etna ha sede a Sant’Alfio, è nato nel marzo 2004, con lo scopo di proteggere e diffondere questo prodotto nostrano. Ogni anno, nel mese di giugno a Giarre e Sant’Alfio, si svolgono la tradizionali sagre.

La ciliegia dell'Etna DOP è ricca di vitamine, calcio, ferro, potassio, di sostanze che proteggono il cuore, di antiossidanti, diminuiscono il rischio di malattie cardiovascolari, rafforzano i capillari, in quanto frutti rossi. 

La ciliegia dell’Etna DOP è ricca di vitamine, calcio, ferro, potassio, di sostanze che proteggono il cuore, di antiossidanti, diminuiscono il rischio di malattie cardiovascolari, rafforzano i capillari, in quanto frutti rossi.  Fonte foto: https://it.wikipedia.org. Autore: Roybb95

Memoria storica e culturale

La nostra storia locale è ancora fortemente ancorata alla tradizione del lavoro nei campi e alla raccolta dei frutti. A casa molti di noi conservano ancora i tradizionali panari, che accolgono questi frutti dal sapore unico, “vulcanico”. La raccolta delle ciliegie è sempre stata un momento di festa e di aggregazione. Sono frutti che portano allegria. Chi di noi non si è arrampicato in uno di questi alberi o ha fatto i classici orecchini con una coppia di ciliegie? Grazie alle manifestazioni organizzate attorno a questo frutto, tante realtà locali promuovono se stesse e fanno conoscere la propria storia.

La ciliegia dell’Etna assurge a varie funzioni che la rendono un patrimonio dal grande valore, non solo economico, da valorizzare sempre più.

Tanti impieghi e ricette

Questi deliziosi frutti si prestano all’elaborazione di tante gustose ricette visto che una tira l’altra! Una vera tentazione, a cui difficilmente si riesce a resistere.

Le ciliegie sono ingredienti usati per innumerevoli preparazioni. Si consiglia il loro utilizzo anche per antipasti, insalate, primi piatti e secondi, oltre che per dolci, torte, crostate, cocktails, marmellate, confetture, sciroppi, succhi, canditi, sorbetti, gelati e liquori.

Fonte foto copertina: Pixnio

Sabrina Port

Autore: Sabrina Port

Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, con il sogno del giornalismo, scrive da alcuni anni su testate locali, cercando di valorizzare quanto di più bello c’è nella nostra Sicilia e a Catania.

La deliziosa e salubre Ciliegia dell’Etna DOP ultima modifica: 2019-06-13T10:21:20+02:00 da Sabrina Port

Commenti

To Top