CIBO

Le mele cola e gelato: frutti preziosi dell’Etna

Sulle pendici dell’Etna c'è una produzione di varietà autoctone di mele. Un tempo erano addirittura 14, oggi ne sono rimaste soltanto 4: la cola, la gelato, la gelato cola e la cirino.

Tempo di autunno e tempo di maturazione e coltivazione dei migliori frutti sulla nostra Etna, un vulcano di colori e sapori unici, come quelli di cui vi parliamo oggi: puma cola e puma cola gilatu, le due varietà di mele più diffuse e coltivate nel nostro territorio. In questo periodo i centri abitati dell’Etna accolgono i numerosi visitatori che salgono in montagna alla ricerca di aria buona e prodotti tipici di questa stagione, assieme alle tipiche pere autunnali “Ucciardona” o la “Spinella”. La ricchezza della frutticoltura caratterizza l’agricoltura dell’EtLe mele dell’Etna

Sulle pendici dell’Etna c’è una produzione di varietà autoctone di mele. Un tempo erano addirittura 14, oggi ne sono rimaste soltanto 4: la cola, la gelato, la gelato cola e la cirino. Prima esistevano anche le: Mela del Vescovo, Mela ‘Bondanza, Mela Romaneddu, Mela Cardilla, Mela Donnello, Mela Turca, Mela Lappione, Mela Madonna o Medunna, Mela Testa di Re o Rotolo, Mela Ruggia, Mela Zuccarello, Mela Maledeci, Mela Muntagnisi o Annurca, Mela Appieddu, Mela Rosa Monuvana.

Le coltivazioni si estendono intorno a 600 ettari e, per l’80%, ricadono all’interno del territorio del Parco dell’Etna, in particolare nei comuni di Zafferana Etnea, Biancavilla, Ragalna, Adrano, Santa Maria di Licodia, Pedara, Nicolosi, Trecastagni. Il melo è la specie più coltivata nel territorio etneo, soprattutto tra i 700 ed i 1500 metri. In questo territorio, il melo ha trovato condizioni climatiche particolari, capaci di riversare nei propri frutti proprietà e caratteristiche uniche al mondo. Oggi però queste varietà così speciali sono in crisi, in mancanza di un consorzio che le tuteli e per il proliferare di altre coltivazioni (Mele Golden, Red Delicius e frutti tropicali

Tra i prodotti più importanti dell'Etna c'è la Mela Cola (Malus communis pumila), nota anche come“Puma Cola”

Tra i prodotti più importanti dell’Etna c’è la Mela Cola (Malus communis pumila), nota anche come“Puma Cola”.

Mele Cola

Tra i prodotti più importanti dell’Etna vi è sicuramente la Mela Cola (Malus communis pumila), nota anche come“Puma Cola”, un nome che è derivato dal fatto che questa particolare varietà si diffuse in principio a Nicolosi, in una zona vicina al convento benedettino di San Nicola. Fino alla metà del ‘900 era la varietà di mele principale dal punto di vista commerciale tra quelle presenti sull’Etna. Le Cola si distinguono per la forma cilindrica arrotondata e per un peduncolo corto spesso; la buccia è gialla e la polpa bianca, lentigginosa, croccante, succosa, oleosa, leggermente acidula e ricca di vitamine.

Mele Gelato Cola

Le Gelato Cola, nascono da un incrocio con le Cola; esse presentano una forma allungata, un colore verdastro che, con il tempo, diventa giallo  paglierino. La polpa è molto zuccherata e aromatica. La gelato cola, rispetto alla Cola, si distingue per una pezzatura leggermente superiore e un profumo gradatamente più intenso. Va detto, inoltre, che questa particolare varietà di mela ha ottenuto il riconoscimento Presidio Slow Food nel 2016. Entrambe le varietà danno frutti di piccole dimensioni. La pezzatura media ha un peso di 110-130 grammi.

La mela gelato cola, altra variante delle mele dell'Etna nate dalla cola, ha ottenuto il riconoscimento Presidio Slow Food.

La mela gelato cola, altra variante delle mele dell’Etna nate dalla cola, ha ottenuto il riconoscimento Presidio Slow Food.

La raccolta e la lavorazione

La stagione della raccolta va dalla fine di settembre-prima metà di ottobre fino a novembre. Il frutto viene raccolto non completamente maturo. La maturazione si raggiunge nel  fruttaio tra novembre e dicembre. Si conserva fino ad aprile. I nostri nonni utilizzavano i fruttai, delle piccole strutture costruite in pietra lavica a secco, che conservavano i frutti freschi. Vengono per lo più vendute nei mercati locali.

Proprietà salutari

L’antico detto recita: “Una mela al giorno, toglie il medico di torno!”, non possiamo che confermare le tante salubri proprietà di questo frutto. Le mele dell’Etna sono “frutti della salute“, indicate in ogni dieta per qualunque fascia d’età. Sane ed equilibrate, le mele sono prive di grassi e contengono, inoltre, pochissime calorie. Ricche di fibre (una mela corrisponde al 20% del fabbisogno giornaliero) rappresentano inoltre una discreta fonte di vitamine (C, B1, B2, provitamina A, PP) e sali minerali (fosforo, ferro e potassio) e sono anche antiossidanti. Sono un’ottima fonte di nutrimento e regolano la funzione intestinale e la flora batterica. Le mele sono depurative del sangue e diuretiche e svolgono azione tonica e rinfrescante.

Usi e ricette

In cucina, sono indubbiamente un ingrediente molto versatile. Preparate nel modo migliore, infatti, possono trasformarsi in piatti gustosi, adatti a soddisfare anche i palati più esigenti. Crostate, torte, gelatine, biscotti, cheesecake, confetture e marmellate sono soltanto alcune idee dolci che si possono realizzare con questo gustoso frutto, ma possono essere utilizzate per cucinare primi, insoliti secondi o innovativi contorni, per stupire i vostri invitati. Ecco alcuni suggerimenti: chips di mele, frittelle, risotto con mele e speck, zuppa di cavolo rosso e mele caramellate, carne rossa e bianca. Immancabile la cotognata, di cui vi abbiamo già parlato.

Salvaguardiamo la biodivesità!

Consumiamo la buona frutta dell’Etna stagionale! Queste mele possono tornare ad essere uno dei fiori all’occhiello dell’agricoltura etnea.

Fonti: https://www.italianfoodexperience.it/prodotti/mela-etna/

http://www.verdeinsiemeweb.com/2014/11/mele-cola-antichi-frutti-sotto-il.html

Foto copertina: James Strano
Fonte foto: www.ianomessina.it

Sabrina Port

Autore: Sabrina Port

Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, con il sogno del giornalismo, scrive da alcuni anni su testate locali, cercando di valorizzare quanto di più bello c’è nella nostra Sicilia e a Catania.

Le mele cola e gelato: frutti preziosi dell’Etna ultima modifica: 2019-10-07T10:06:43+02:00 da Sabrina Port

Commenti

To Top