LO SAPEVI CHE

Solarium Catania: prime realizzazioni e promesse mancate

L'attuale stato del solarium di Ognina. Sarà l'unico a essere costruito

Il Sindaco di Catania Salvo Pogliese promise che, a differenza del suo predecessore, i solarium sarebbero stati pronti i primi di giugno. Giunti al periodo citato c’è poca differenza tra vecchia e nuova Amministrazione.

Il solarium di Piazza Europa è tuttora un punto interrogativo e molto probabilmente non si farà. La passerella dei disabili a San Giovanni Li Cuti è stata vandalizzata, mentre il solarium di Ognina è in ritardo ma in fase di ultimazione.

I bagnanti usufruiscono del solarium

I bagnanti usufruiscono del solarium

La promessa infranta del Sindaco di Catania

È facile fare una promessa, è più complicato mantenerla. Il Sindaco di Catania Salvo Pogliese adesso non può che esserne consapevole. È stato il primo cittadino a puntare il dito contro la precedente Amministrazione Bianco, incolpandola del fallimento dell’apertura del solarium di Catania.

Il Sindaco di Catania promise che la sua Amministrazione non avrebbe fallito e i solarium sarebbero stati pronti i primi di giugno. Bandi e gare d’appalto sono stati effettuati ma il solarium di Piazza Europa non vedrà la luce, infrangendo definitivamente la promessa del sindaco.

La motivazione giunta dal Comune riguarda l’impossibilità di trovare uno sponsor (secondo il regolamento effettuato). Il solarium di Piazza Europa non si farà, è certo. Una rappresentanza del Comune assieme a un imprenditore, interessato a valutare una possibile sponsorizzazione della struttura balneare, hanno effettuato un sopralluogo.

La decisione è risultata negativa e con essa la possibilità d’avere il solarium di Piazza Europa. Purtroppo non è l’unica promessa non mantenuta, infatti, anche il solarium di Ognina è in fase di ultimazione anziché essere già pronto ai primi di giugno, come promesso.

La classica piattaforma dei solarium in corso d'opera

La classica piattaforma dei solarium in fase di costruzione

Il solarium di Ognina in ritardo ma quasi ultimato

Il Comune di Catania ha disintegrato la sua stessa deadline. Il Sindaco di Catania Salvo Pogliese non è riuscito a mantenere la promessa d’aprire il solarium di Ognina per i primi di giugno.

Al momento il solarium è in fase d’ultimazione. I lavori sono in fase avanzata possedendo già servizi igienici e bar. Seppur chiusa e teoricamente non aperta al pubblico, qualche bagnante usufruisce già della struttura balneare.

A dare una motivazione del ritardo è l’assessore con delega al Mare Fabio Cantarella: «Se non fosse stato per il maltempo i lavori sarebbero in fase ancora più avanzata, in particolare per quanto riguarda l’allestimento delle scalette, in ogni caso ritengo che faremo in tempo per completare il solarium entro sabato».

La possibile apertura del solarium di Ognina (sostenuto dalla tassa di soggiorno) è slittata dai primi di giugno alla prima metà del mese. Se dal lato “cittadino” la possibilità d’usufruire del mare è ancora incerta, le tre spiagge libere sarebbero pronte ad accogliere catanesi e turisti. Una notizia amara giunge dalla passerella dei disabili a San Giovanni Li Cuti, recentemente vandalizzata.

San Giovanni Li Cuti durante il periodo estivo

San Giovanni Li Cuti durante il periodo estivo

San Giovanni Li Cuti: strutture costruite tempestivamente e già vandalizzate

È stata recentemente inaugurata la passerella dei disabili a San Giovanni Li Cuti ma sopraggiungono i primi atti vandalici. A comunicare il gesto incivile è l’organizzazione Lungomare Liberato: «Subito vandalizzata la nuova discesa a mare. Sono spariti i diffusori d’acqua delle docce ed un passamano per scendere a mare. Siamo veramente senza parole».

Il testo è accompagnato dalle immagini che mostrano quanto vile è stato il gesto. Sorge spontaneamente la domanda: a che pro vandalizzare oggetti d’uso comune e dal costo quasi ridicolo? In particolare nell’atto vandalico (che vagamente ricorda l’imbrattamento dei muri del centro storico, lontani dalla street art) si evidenzia il furto del passamano utilizzato soprattutto dai disabili, rendendo il gesto deplorevole.

Il cambio d’Amministrazione non ha portato grandi risultati riguardo i solarium di Catania. Gli ultimi anni riportano estasi disastrose: i bagnanti hanno potuto usufruire del meraviglioso mare catanese solamente a luglio inoltrato. Lo scorso anno fa eccezione poiché l’Amministrazione Pogliese annullò i solarium poiché la spesa sarebbe stata eccessiva per le poche settimane estive rimanenti.

L’unico cambiamento dal passato a quest’anno è un lieve anticipo delle tempistiche ma purtroppo lo scenario generale tra il vecchio e il nuovo Sindaco di Catania rimane invariato. Il primo cittadino Salvo Pogliese aveva promesso che i solarium avrebbero avuto esito migliore rispetto all’operato del suo predecessore.

Le promesse sono state infrante e i fatti evidenziano un miglioramento rispetto gli anni passati che, però, non può bastare alla Città di Catania: serve più concretezza e meno promesse.

Marco D'Urso

Autore: Marco D’Urso

Giornalista, spero di vivere di questa passione. Fanatico delle due ruote e della fotografia; pieno di ideali e senza prezzo nel cartellino.

Solarium Catania: prime realizzazioni e promesse mancate ultima modifica: 2019-06-12T09:28:29+02:00 da Marco D'Urso

Commenti

To Top