LO SAPEVI CHE

Cinema storici di Catania: un viaggio tra le sale cinematografiche catanesi

Sale Cinematografiche Di Catania

Salvatore: Da quanto tempo avete chiuso?
Spaccafico: A maggio fanno sei anni. Non veniva più nessuno. Lei lo sa meglio di me. La crisi, la televisione, le cassette… Oramai il cinematografo è solo un sogno. Adesso l’ha acquistato il comune per farci il nuovo parcheggio pubblico. Sabato lo demoliscono. Che peccato.
Dialogo tratto da Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore.

I cinema storici di Catania

Il cinema, Catania e i catanesi. Magia, arte e amore. Una platea gremita, a volte chiassosa, ma infinitamente emotiva. Divertimento, svago, ma anche passione. I cinema storici di Catania rientrano a pieno titolo in alcune delle nostre pagine e nei nostri personalissimi album dei ricordi. Quella che sto per raccontarvi oggi è una storia d’amore. Una di quelle relazioni fatti di grandi slanci, di incredibili entusiasmi, ma anche di grandi sconfitte. L’insieme di piccoli tasselli di un puzzle per disvelare una Catania dimenticata. Un tuffo nel passato tra le sale cinematografiche di Catania che hanno raccontato e fatto la storia della stessa città.

arena - argentina

C’era una volta il cinema

Il cinema Sala Roma

Il primo cinema storico di Catania di cui voglio raccontarvi è il Sala Roma. Molti catanesi se lo ricordano o ne hanno sentito parlare per lo storico personaggio Giuseppe Condorelli, soprannominato Pippo Pernacchia e talvolta appellato come Pippo Sala Roma. Il quartiere generale di Pernacchia, infatti, era la via Etnea vicino il cinema. Inaugurato il 27 giugno del 1913, nelle scuderie del palazzo del barone Spitaleri, assunse il nome Sala Roma a partire dal 1932. È stata una della prime sale cinematografiche di Catania ad ospitare un film il rilievo (3D). Immaginate l’emozione sui volti, la scoperta di un film in rilievo e cercate di  sognare questo cinema ospitato in un locale in stile liberty. La sua ultima proiezione, ahinoi, è datata 17 giugno 1957 con il lungometraggio “L’angelo del ring”. Il Sala Roma, purtroppo, venne demolito per far posto alla Rinascente.

Tiffany, Excelsior, Minerva e…

Sono tanti i cinema che a Catania hanno dovuto chiudere. L’Excelsior, ad esempio,ha chiuso nel 2009, dopo ben settant’anni di attività. Dal 1939 rallegrava i catanesi ed insieme al Sala Roma ed altri era dotato di un’arena (chiusa nel 1960) per sopperire al caldo afoso dei locali chiusi e sprovvisti di aria condizionata. Il Tiffany, chiuso nel 2008, era nato dalle ceneri del Trinacria, che insieme al Diana (ad opera dell’architetto Paolo Lanzerotti, inaugurato il 26 dicembre del 1926, e chiuso nel 1981, oggi ospita un negozio d’abbigliamento), l’Olympia, il Sarah, il Vittoria, l’Eliseo, il Fiamma, il Monachini e il Messina tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 ospitavano film a luci rosse. Degno di nota, tra gli altri, è il Minerva. Nasce nel 1946 in via Orto del Re e chiude il 31 maggio del 1983 con il film “Pink Floyd the wall“. L’ex cinema Minerva, per ben diciassette anni, è stato il Cpo Experia, storico centro popolare di Catania sgomberato dalle forze dell’ordine il 30 ottobre 2009.

Teatro Sangiorgi, Via Antonino Di Sangiuliano, Arch. Salvatore Giuffrida

Teatro Sangiorgi – Di FernandoP – Opera propria, CC BY-SA 4.0

Abc, Apollo, Lo Po’ e Sangiorgi

Il cinema Abc, inaugurato nel ’58, nasce al posto dell’Arena Spadaro. Oggi ospita proiezioni cinematografiche, performance teatrali, convegni e dibattiti. La lista è lunga e sicuramente ne dimenticherò qualcuno, ma come non citare lo scomparso cinema Apollo in via delle Salette? Era la sala cinematografica dei western con John Wayne e che per alcuni anni proiettò la nota trasmissione Lascia o raddoppia? condotta da Mike Bongiorno. O ancora, lo storico Lo Po’ che fino al 1966 ospitava la terrazza e che si è trasformato nel 2003 in un multisala. Il Sangiorgi, del 1901, con la sua terrazza estiva Kursaal attiva fino al 1963. Uno dei cinema storici di Catania che ha conosciuto diverse sfaccettature, una sala cinematografica per famiglie, ma anche un luogo per film erotici. Ha avuto una storia travagliata e ha riaperto nel 2003 in veste di teatro, dopo essere stato rilevato dal Teatro Massimo Bellini.

Sale Cinematografiche Di Catania

Metropolitan, Foto di Pippo Costanzo

Cinema, cinema e ancora cinema storici di Catania

E avete mai sentito parlare del Midulla in via Zuccarelli? Prima della guerra portava il nome Italia. È stato distrutto nel 1979 a seguito di un incendio doloso e l’ultimo film proiettato è quello di “Totò contro Maciste”. Il Midulla, oggi, è un centro sociale e multifunzionale. Resiste il cinema Alfieri di via Duca degli Abruzzi; l’Ariston in via Balduino; il Mirone in via A. De Curtis con il nome King; l’Odeon in via Filippo Corridoni e, che attualmente, oltre alla proiezione di film, ospita anche concerti ed eventi privati. E ancora, la splendida Arena Argentina, perla incastonata nel centro cittadino in via Vanasco. Molti cinema storici di Catania, invece, sono stati dedicati ad altre attività. Il Metropolitan, nato come teatro e come cinema, prosegue la sua attività esclusivamente nel campo teatrale e concertistico. Il Ritz ha chiuso nel 2001 ed è stato acquistato per far posto alle lezioni degli studenti di giurisprudenza. Lo splendido Olympia, in piazza Stesicoro, realizzato da Francesco Fichera, oggi è sede di un fast food. Diverso il destino di cinema come l’Arena Adua di via Ciccaglione. Chiude nel 1971, ma viene riaperto per volontà dello stesso gestore, in via San Nicolò al Borgo nel 1977.

Cinema storici di Catania

Arena Argentina, Via Vanasco

Note, fonti e approfondimenti

Per citare soli i nomi di altri cinema storici di Catania: Concordia, l’Europa, il Golden, il Reale, l’Ideal e tutte le varie arene.
L’elenco delle sale cinematografiche di Catania che hanno fatto la storia stessa della città, che hanno chiuso, che sono state demolite, che si sono trasformate e reinventate è veramente lunga. Cercare di elencare tutti i cinema e le arene che si sono susseguite potrebbe inoltre essere un’arma a doppio taglio. Potrei dimenticarne qualcuna, potrei rischiare di diventare noiosa e potrei, vista la mia età, non averne mai sentito parlare o non averne mai letto. La mia ricerca non vuole essere un trattato, neanche un documento storico e forse qualche data potrà inoltre essere errata. La moltitudine di sale cinematografiche racconta dei catanesi stessi. Chissà quanti amori e quante amicizie nate grazie a questi cinema. Il mio è un omaggio al cinema a Catania. Al legame indissolubile tra il cinema e i catanesi. A questa passione chiamata cinema. Perché a vita è cchiu difficili, ma il cinema è una magia capace di farci ancora sognare. L’arte che muove e commuove.

– Catania e il cinema, Alberto Surrentino D’Afflitto – Editoriale Agorà

– Articolo di Meridionews – Ricordi di una Catania che non c’è più

– Immagine di copertina di Commapartners

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Mi chiamano Chinaski e come il Perozzi di Amici miei, ho quasi dimenticato che il mio nome è Cristina. Ho una passione viscerale per il cinema e per la musica, colleziono vinili e oltre i libri leggo parecchi fumetti. Amo i gatti (nomen omen). Cos’altro aggiungere? Non pedalo perché non ho voluto la bicicletta, sono irriverente, sempre pronta alla battuta, dotata di autoironia (l’altezza l’avevano terminata) e come Luciano Bianciardi spesso mi domando “chissà se riuscirò a trovare la strada di Itaca, un giorno?”

Cinema storici di Catania: un viaggio tra le sale cinematografiche catanesi ultima modifica: 2018-06-20T08:24:24+00:00 da Cristina Gatto

Commenti

To Top