LO SAPEVI CHE

San Berillo, “ferita” aperta nel cuore di Catania

Abitazione di Goliarda Sapienza

La fosca storia di San Berillo. Un sobborgo nel centro storico di Catania

Un intenso groviglio di viuzze, un ammasso di rovine, un rione recondito ma, soprattutto, l’aspirazione di ridare lustro a San Berillo. La storia mistica e pietosa di questo antichissimo quartiere già sventrato nel 1957. Un labirinto di case fantasma abitate per lo più da prostitute. Il desiderio di riqualificare l’intera zona che vive nella totale diserzione e nell’abbandono da parte delle amministrazioni comunali.

Febbraio 1957: inizio dello sventramento di San Berillo

San Berillo si protendeva ad est della centralissima Via Etnea, nei pressi di Piazza Stesicoro, in direzione della zona ove, nel 1866, venne inaugurata la stazione centrale. Nei primi anni del XX secolo, Catania diventa snodo fondamentale delle esportazioni dello zolfo. La presenza nel breve raggio del porto e della stazione rende la città tappa prediletta degli esportatori. San Berillo con la sua la urbanizzazione caotica e fittizia, secondo gli architetti che da lì a poco organizzeranno i piani di sventramento, rappresenta un ostacolo. Negli anni cinquanta, il piano del Brusa (urbanista della Società Generale Immobiliare di Roma), viene recepito in toto dall’ISTICA (Istituto Immobiliare di Catania). Il 3 marzo del 1951, il Consiglio Comunale dà la sua approvazione. Contestualmente, viene costituito l’Ist-San Berillo, ovvero la deportazione di circa 30.000 abitanti del quartiere nella zona periferica di San Leone.

Case sventrate

Uno dei molteplici palazzi post sventramento di San Berillo

Le anime di San Berillo. Rinascita: l’unione fa la forza

Sia prima che dopo lo sventramento, San Berillo era riconosciuto come il quartiere “a luci rosse”. Fino alla Legge Merlin, il rione era il luogo delle Case di Tolleranza. Anche successivamente continuò ad essere rifugio per prostitute e immigrati. Tuttavia, la voglia di vivere, di non arrendersi degli abitanti ha creato nel corso degli anni una forza generatrice collettiva. Storie che contraddistinguono le vite di queste persone che, tra degrado e macerie, danno un’anima a questo mistico quartiere. Negli ultimi anni, anche le associazioni cittadine si sono date da fare e tra queste, indubbiamente, Trame di Quartiere.

Abitazioni

Murales sugli infissi di un’abitazione di San Berillo

Si è ripristinato il piano terra di uno dei palazzi storici (Palazzo De Gaetani). Si è creato un punto di ritrovo per questa gente, per non farla sentire dimenticata e sola. È stata creata persino una web serie, che racconta la storia di coloro che vivono giornalmente San Berillo. Storie vere e colme di umiltà. Storie che fanno vedere un volto diverso di San Berillo. San Berillo non è solo degrado, delinquenza e prostituzione. San Berillo ha una grande anima.

Davide Villaggio

Autore: Davide Villaggio

Davide è un amante della sua città, Catania. Una perla sullo Ionio che, tra quartieri, palazzi e monumenti, racchiude 2700 anni di storia. Con i suoi studi, la sua passione e il suo amore verso la sua città, Davide cercherà di rapire la vostra curiosità e di farvi scoprire luoghi sconosciuti a molti lettori.

San Berillo, “ferita” aperta nel cuore di Catania ultima modifica: 2018-04-12T10:40:57+00:00 da Davide Villaggio

Commenti

To Top