I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

PIAZZE VICOLI

Nuove denominazioni per le vie catanesi

Il Comune di Catania intitola nuove vie a personaggi catanesi

La Commissione per la toponomastica cittadina del Comune di Catania, presieduta dall’assessore ai servizi anagrafici Alessandro Porto, ha approvato nuovi toponimi per slarghi, vie e piazze cittadine di Catania. Tanti i nomi di letterati, studiosi, medici, musiciste, poetesse, regine, uomini e donne impegnat’ nella politica, imprenditori di successo, religiosi molti dei quali catanesi. 

Vie, slarghi e piazze intitolati a donne catanesi

Tra i nuovi toponimi individuati, molti omaggiano le donne. Tra di esse compare “Virdimura”, catanese di origine ebrea, che nel XIV secolo fu la prima donna autorizzata a esercitare la medicina e la chirurgia in Sicilia. La via a lei dedicata si trova nei pressi della caserma dei vigili del fuoco di San Giovanni Galermo.
La II Traversa al civico 7 di via Vizzini, a San Giorgio, porterà il nome di Maria Nicotra Fiorini, parlamentare della Costituente repubblicana e deputata nella I Legislatura (1948-53) alla Camera dei Deputati.

A Trappeto Sud, sono tre le aree dedicate: al soprano Sara Scuderi, alla poetessa e pittrice Adele Gloria e alla scrittrice Chiara Palazzolo. Uno slargo tra via Orto Limoni e Via Calatabiano omeggierà la Regina Maria di Sicilia.

La Commissione per la toponomastica cittadina presieduta dall’assessore ai servizi anagrafici Alessandro Porto, ha approvato nuovi toponimi per slarghi, vie e piazze cittadine di Catania.
La Commissione per la toponomastica cittadina presieduta dall’ assessore ai servizi anagrafici Alessandro Porto, ha approvato nuovi toponimi per slarghi, vie e piazze cittadine di Catania.

Piazze, vie e slarghi dedicati agli uomini catanesi

Una piazzetta di fronte via Castiglione, nei pressi di piazza Grenoble omaggerà l’imprenditore catanese Domenico Bruno, fondatore dell’omonima ditta di strumenti musicali e elettrodomestici;  una strada della zona industriale che incrocia la via Alfredo Agosta porterà il nome dell’imprenditore Sebastiano Nicolosi, attivo nel settore del trasporto su strada.

Una parte di via Luigi Sturzo, il tratto che si suddivide in due segmenti nettamente staccati tra loro omaggia il biancavillese Vincenzo Uccellatore, già presidente del Consiglio di Stato e attivo nei gabinetti di diversi ministeri. Inoltre, al Prof. Luigi Condorelli de Fiori prestigioso medico e accademico nell’Università di Catania, maestro di numerosi cardiologi e studiosi di medicina, è stata dedicata un’area all’interno del Parco Gioieni. 

Altre denominazioni

Sempre all’interno del Parco Gioeni, una via si rifà a J.R.R. Tolkien, l’autore della saga fantastica “Il Signore degli anelli’’.
Dopo le richieste dei cittadini del quartiere, ci sarà anche una piazzetta “Carruba” nella zona di Ognina, conosciuta così dai residenti.

Tra le nuove denominazioni scelte dal Comune di Catania per nuove vie cittadine, molte omaggiano donne e uomini catanesi.
Tra le nuove denominazioni scelte dal Comune di Catania per nuove vie cittadine, molte omaggiano donne e uomini catanesi.

Le intitolazioni per le vittime del femminicidio e della strada

Grande importanza simbolica riveste l’intitolazione alle Vittime della strada di uno slargo tra via Etnea e via Empedocle e quella alle donne vittime della violenza e del femminicidio”, in uno spazio nei pressi di viale Artale Alagona.

Vie dedicate ai religiosi

Uno slargo tra Corso delle Provincie, via Sassari e via Guardia della Carvana, vicino alla parrocchia Santi Pietro e Paolo, recherà il nome di padre Giovanni Piro. Su proposta dell’ex sindaco Salvo Pogliese, nei pressi di piazza Università ci sarà uno spazio dedicato a Don Gaetano Zito, vicario episcopale della diocesi, direttore dello studio teologico San Paolo, storico e uomo di grande cultura. Spazio dedicato anche a Don Oreste Benzi, vicino alla via dove della sede della Comunità Papa Giovanni XIII nei pressi della strada Passo del Fico.

Il centro direzionale del Comune di Catania dove hanno sede gli uffici delle Toponomastica che si occupa delle nuove denominazioni delle vie cittadine.
Il centro direzionale del Comune di Catania dove hanno sede gli uffici delle Toponomastica che si occupa delle nuove denominazioni delle vie cittadine. Fonte foto: Comune di Catania

Altri nomi di strade, vie e piazze di Catania

Alcune vie storiche della città avevano altre denominazioni. Ad esempio piazza Mazzini , prima era conosciuta come Piazza san Filippo; la via che separa piazza Università da piazza duomo era via della Luminaria; Piazza Borgo oggi è piazza Cavour; via degli Schiopettari oggi è conosciuta come via Manzoni.

L’ex sindaco Enzo Bianco, nel 2017, cambiò alcuni nomi di vie e piazze storiche catanesi.Fra le denominazioni che innescarono più polemiche si annovera quella di piazza Vittorio Emanuele III, conosciuta da tutti come piazza Umberto, intitolata a Ettore Majorana; piazza Ogninella è stata intitolata a Emilio Greco. Come l’ex piazzale Oceania oggi omaggia il giornalista sportivo Candido Cannavò e via Nuoro si chiama via Mario Giusti, fondatore del Teatro Stabile di Catania. A San Berillo c’è una piazza che porta il nome della scrittrice Goliarda Sapienza.

Vie dedicate a personaggi non catanesi

Via Enrico Cialdini oggi è dedicata a Giorgio Ambrosoli, l’avvocato milanese assassinato per le sue indagini; lo slargo vicino al centro direzionale di San Leone è stato intitolato a Barbara Rizzo, morta nella Strage di Pizzolungo, a Trapani, con i figli gemelli. Intitolazioni omaggiano Beppe Montana e Ninni Cassarà.
Il largo, attualmente a fianco alla piazza Turi Ferro porta il nome della giornalista inviata di guerra Ilaria Alpi. Il matematico Alan Turing è omaggiato con una nuova via nella zona di San Nullo.

Foto di Sabrina Portale.

Nuove denominazioni per le vie catanesi ultima modifica: 2020-12-03T09:52:30+01:00 da Sabrina Portale
Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

To Top