I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

pubbliredazionale CIBO

Zucca: la regina catanese dell’Autunno in cucina

La Zucca è uno degli ingredienti principali della cucina in autunno.
Articolo promozionale

Appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, che include anche cetrioli, meloni, angurie e zucchine, attira l’attenzione per i suoi colori sgargianti e bizzarre forme, stiamo parlando della zucca, versatile ortaggio dalle tante proprietà salubri.

Un ortaggio che viene da lontano

L’origine del suo nome deriverebbe dal latino “cocutia” che significa testa; nel tempo si sono diffusi anche i termini dialettali cocuzza e cozucca, soprattutto in alcune regioni dell’Italia meridionale. Coltivato in varietà diverse, dai popoli più antichi, tra cui gli Egizi, i Romani, gli Arabi e i Greci, questo ortaggio nasce in Asia Meridionale e più precisamente dall’India.

Godette di grande apprezzamento durante l’epoca romana tanto che gli studiosi Discoride e Plinio il Vecchio la definirono “refrigerio della vita umana, balsamo dei guai”. Anche il poeta Marziale ne parla nei suoi scritti. La zucca maggiormente diffusa e consumata deriverebbe dal Messico dove nacque circa oltre 8.000 anni fa; fu importata in Europa dai coloni spagnoli nel XVI secolo.

Tante tipologie

Grande o piccola, verde, gialla, striata, rossa, nera, a macchie o a strisce, questi sono solo alcuni dei tipi di zucca che si possono trovare in commercio. La zucca ha forme diverse: bislunga o rotonda, ovale, a forma di pera, liscia o con delle piccole escrescenze, a polpa gialla o arancione. Le zucche vengono piantate tra l’ultima settimana di maggio e la prima metà di giugno. Il periodo di raccolta va da settembre a novembre. Questo prodotto della terra racchiude fiori, semi e polpa commestibili e ricchi di vitamine.

Accanto all’uso edibile, la zucca era spesso usata come materiale per la costruzione di piccoli utensili o contenitori usati in cucina.

La zucca che maggiormente consumiamo e conosciamo deriva dalle Americhe, come le patate e i pomodori, più precisamente dal Messico.
La zucca che maggiormente consumiamo e conosciamo deriva dalle Americhe, come le patate e i pomodori, più precisamente dal Messico. Foto di S. Portale.

Proprietà nutrizionali e benefici

La zucca è un alimento impiegato nelle diete ipocaloriche e adatto a chi soffre di diabete; contiene elevate percentuali di fibre, vitamine e sali minerali, omega 3. La zucca, fatta per lo più di acqua contiene anche antiossidanti, aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare, previene le patologie cardiovascolari abbassando la pressione sanguigna. Le sue sostanze garantiscono il buon funzionamento dell’organismo ed è un ottimo rimedio per la stipsi. Viene utilizzata anche per rafforzare le unghie fragili, i capelli e come scrub e maschere per il viso e per il corpo, realizzate con la sua polpa.

Ricette sfiziose con la zucca

La zucca è ritenuta uno degli ingrediente base per diverse e gustose ricette; essa si presta ad essere adoperata in cucina in svariati modi, sia per realizzare un primo o un secondo piatto e anche un dolce. Innumerevoli sono le creazioni. Può essere cucinata a vapore, lessata, stufata o cotta in forno. Durante il periodo più freddo dell’anno la si usa in moltissimi piatti caldi come: risotti, minestre, fritta nella pastella, creme con farro e piselli. Famosi sono anche i tortellini alla mantovana e addirittura il pane. La zucca è usata anche in centrifugati, in frullati, marmellate, dessert e torte.

Zucca2
La zucca è uno degli ingredienti più versatili utilizzati in cucina nei primi, secondi, contorni, ma anche in dolci e pane. Foto di S. Portale

Molto diffusa e apprezzata nelle nostre zone etnee è la ricetta della zucca rossa fritta in agrodolce, una salsa fatta con olio, aceto, menta, zucchero, aglio, sale e pepe.

Zucca e curiosità

Sono tante le curiosità che riguardano questo versatile prodotto. Pensiamo al poeta Seneca che scrisse l’ “Apokolokyntosis”, una satira contro l’imperatore Claudio, trasformatosi in zucca. Gli antichi Romani una volta svuotata, la utilizzavano come contenitore o né ricavavano piatti, ciotole, cucchiai. Nel Medioevo, invece, veniva utilizzata dai marinai come salvagente.

La zucca è simbolo per eccellenza di Halloween, la tipologia usata principalmente è la Connecticut field pumpkin. Si intagliavano le zucche, secondo l’uso celtico, per spaventare Jack O’ Lantern, un’anima errante, condannata a vagare sulla terra per l’eternità. Nei Balcani si racconta che se si abbandona una zucca nel campo, dopo Natale si trasforma in vampiro. La zucca è usata anche come elemento ornamentale, come centrotavola, lampade, o come strumento musicale, le famose maracas sudamericane.

Tante curiosità, storie e modi di dire ruotano attorno alla zucca.
Tante curiosità, storie e modi di dire ruotano attorno alla zucca. Foto di S. Portale

Ne “Il mago di Oz”, c’è il personaggio dello spaventapasseri animato con una zucca al posto della testa. Charles Schulz, creatore dei fumetti “Peanuts”, raffigura il suo Charlie Brown spesso in mezzo ad un campo di zucche.

Proverbi e modi di dire

Questo ortaggio è protagonista anche di molti modi di dire ed espressioni ironiche, soprattutto dialettali e italiane. Il più conosciuto nella zona etnea è soprattutto : ” falla comu voi sempre cucuzza è” (che significa letteralmente: puoi cucinarla come vuoi, sempre zucca rimane; si tratta di un’espressione che indica i numerosi tentativi di rendere diverso qualcosa che non lo è, in questo caso la zucca è simbolo di chi vuol apparire ciò che non è); c’è anche “Zucca vuota” (usata per definire persona vuota, sciocca), o l’espressione “Avere poco sale in zucca” (usata per attribuire poco buon senso a qualcuno).

Zucca: la regina catanese dell’Autunno in cucina ultima modifica: 2020-11-10T09:53:37+01:00 da Sabrina Portale
To Top