I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

pubbliredazionale CIBO

Marmellate e Confetture siciliane: una tradizione secolare

Confettura di Prugne - foto Pixabay
Articolo promozionale

La Sicilia offre una gran varietà di colori e di sapori. Gli abitanti dell’Isola da sempre hanno usufruito di questi preziosi prodotti che la terra ha gentilmente offerto e li ha trasformati in qualcosa di egregiamente gustoso al palato. Le arance, i piruna, i persichi o i pircopa (prugne, pesche e albicocche) sono alcuni tra agrumi e frutti che sono stati mutati in prelibate marmellate e confetture siciliane.

Come si prepara la marmellata?

Innanzitutto bisogna chiarire la differenza tra marmellata e confettura. La marmellata è fatta con gli agrumi (ad esempio la marmellata di arance siciliane), mentre la confettura è realizzata con la frutta (confettura di albicocche). I nostri avi preparavano la marmellata (o confettura) con basici arnesi da cucina: mestolo, pentola e barattoli per la loro conservazione. Oggi molti preferiscono prepararla con attrezzi tecnologici semplici e veloci da usare, facendo perdere però la bellezza nell’elaborazione “con le proprie mani”.

Marmellate
Marmellate e Confetture.

Per preparare la marmellata scegliete solo prodotti di stagione, ben maturi e con buccia integra. Tagliate a pezzetti ed eliminate i semi presenti. Ponete in pentola aggiungendo zucchero e, se preferite, succo di limone. Fate bollire il composto finché non diverrà abbastanza denso e colloso (circa un’ora). Fate raffreddare e poi ponete il composto nei barattoli per conservarli.

Le confetture siciliane per eccellenza: la Cutugnata

Dal “frutto sacro” dei greci, cioè le mele cotogne, nasce la Cutugnata. Essa è una marmellata abbastanza corposa che fino al secolo scorso veniva offerta ai bambini nella festività dedicata ai defunti.

Questo composto è fatto di pochi ingredienti: mele Cotogne, limone, cannella in polvere, chiodi di garofano schiacciati e zucchero. La gelatina semi-solida che si viene a creare, deve essere conservata in piccoli pezzi.
Le nostre nonne adagiavano la cutugnata in delle formine di terracotta per invogliare i più piccoli ad assaggiare quello strano prodotto gelatinoso. La sua dolcezza rimarrà impressa nel palato.

Cucuzzata o Zuccata: la tradizione delle confetture siciliane

L’inventiva dei siciliani è davvero impressionante. Avete mai pensato di realizzare una marmellata di zucchine? Ebbene, la cucuzzata, conosciuta anche col nome di zuccata, è la tipica marmellata di zucchine siciliane. Essa è utilizzata in special modo per preparare diversi dolci siciliani in pasta reale.
Ormai quasi del tutto sconosciuta, la Cucuzzata in passato poteva essere spalmata sul pane o per accompagnare formaggi piccanti dato il suo sapore estremamente delicato.
La sua preparazione è davvero molto semplice ed economica. Spesso al posto delle zucchine “lunghe” era usata la zucca gialla.

Cucina Serena
Raviole dolci con Cutugnata. Foto e ricetta di: Cucina Serena

Ricetta: Raviole dolci con Cutugnata

Ingredienti: 300 g di pasta frolla; 100 g di confettura di Cotogne; Zucchero a velo.

Procedimento. Prima di tutto dovete preparare la frolla per le raviole dolci. Dopo averla fatta riposare qualche ora, ponete la pasta su un tavolo da lavoro ben infarinato. Realizzate dei dischi con un coppa pasta o un bicchiere. Su ogni disco, ponete un cucchiaino di Cutugnata.
Chiudete per bene i bordi delle mezzelune, facendo attenzione a non far uscire la confettura. Mettete i ravioli dolci in una teglia ricoperta da carta forno. Fate cuocere in forno preriscaldato per 12/15 minuti. Ricoprite i vostri raviolini appena sfornati con zucchero a velo e buon appetito!

Marmellate e Confetture siciliane: una tradizione secolare ultima modifica: 2020-06-09T09:30:00+02:00 da Valentina Friscia
To Top