TRADIZIONI

I piatti del Capodanno: a Catania il pesce è tradizione!

Piatti del Capodanno: la zuppa di lenticchie

Archiviato il Natale ed i suoi piatti tradizionali, arriva il Capodanno. Sembra che la parola d’ordine sulle tavole dei catanesi sia pesce, anche se non si disdegnano le classiche scacciate.

I piatti del Capodanno catanese: il baccalà e come cucinarlo.

A Catania a Capodanno si mangia il pesce. E qua’è il luogo simbolo della città in cui il pesce fresco è quotidiano? Ovviamente la pescheria. Uno dei piatti tipici per salutare il vecchio anno in tavola è il baccalà. Alla ghiotta, con salsa, patete ed uva passa o fritto, deve esserci in tavola. È possibile gustarlo anche alla “siciliana”. La ricetta è semplice. Il baccalà va espugnato per tre giorni, tolta la pelle e poi basta metterlo in una pentola con fondo spesso antiaderente insieme a olio, cipolla fresca tritata, olive catanesi, patate a tocchetti, capperi, uvetta, pomodorino ciliegino, aglio, sedano e prezzemolo. Dopo quindici minuti di cottura, aggiungere un pò di spumante o vino, pepe bianco, sale e cuocere per altri dieci minuti. Ed il piatto è pronto!

Baccalà essicato al sale, un tipico piatto del Capodanno
Il Baccalà essiccato al sale – Foto di Cavaleri Francesca Agata

L’anguilla, paranza e spaghetti tra i piatti del Capodanno

Continuando il nostro giro alla Pescheria ci vengono indicati altri piatti tipici del Capodanno catanese: l’anquilla, il fritto misto di paranza e gli spaghetti ai frutti di mare. L’anguilla che a Catania si chiama “anchidda” viene solitamente cucinata fritta. Il fritto di paranza deve essere fatto di “pisci nichi” (pesci piccoli) perchè è un pò come le lenticchie. Se in tutto il resto d’Italia, ogni lenticchia mangiata rappresenta una moneta e quindi ricchezza, a Catania si fa lo stesso con il pesce di paranza che deve essere composto da mascoline, seppioline, trighiette e gamberi. E se non piace il fritto, basta fare gli spaghetti ai frutti di mare. Vongole, cozze, scampi e gamberetti sono gli ingredienti principali.

Piatti del Capodanno: spaghetti con vongole veraci
Spaghetti alle Vongole veraci – Foto di Cavaleri Francesca Agata

Le lenticchie e cotechino… come vuole la tradizione

A Catania le tradizioni si rispettano! E quindi anche nel capoluogo entro mangiamo le lenticchie a Mezzanotte. Vi proponiamo la ricetta per cucinarle alla catanese. In un tegame mettere acqua, lenticchie, carote sbucciate, pomodorini, una manciata di sedano fresco e cipollotto. Secondo la ricetta tradizionale va anche aggiunta la patata, in modo che diventi una zuppa più cremosa. Il cotechino o lo zampone va cotto a parte a vapore. Prima di servire viene tagliato a fettine. E a completare il tutto ci pensa la cassata, da accompagnare con un buon vino bianco siciliano, spumante o prosecco. E voilà la cena è completa!

A tutti i nostri lettori auguriamo un felice anno nuovo, ricco di serenità e prosperità!

Cavaleri Francesca

Autore: Cavaleri Francesca

Laureata in economia aziendale con specializzazione in direzione aziendale. Nella vita proprietaria di un’agenzia immobiliare. Catanese dalla nascita e innamorata perdutamente della propria città. Ama la lettura, gli animali e la verità!
I piatti del Capodanno: a Catania il pesce è tradizione! ultima modifica: 2019-12-31T17:12:57+01:00 da Cavaleri Francesca

Commenti

To Top