ITINERARI

Casa Verga: un museo intatto nel cuore della città di Catania

Targhetta di Casa Verga

A pochi passi dal Duomo è possibile visitare il museo Casa Verga. La Casa natale del celeberrimo scrittore Giovanni Verga. E chissà se proprio affacciato dalla sua stanza, il Verga, ebbe l’ispirazione per i famosi versi del romanzo I Malavoglia:Il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare di qua e di là dove nasce e muore il sole“.

Dove si trova la casa museo di Giovanni Verga?

La casa dello scrittore si trova all’interno di un edificio storico della città di Catania. Esattamente in Via Sant’Anna, numero 8, al secondo piano. L’appartamento è visitabile in circa 40 minuti ad un costo di 4 euro per l’acquisto del biglietto. Gli arredi sono tutti in noce lavorato e ben curato. Appena entrati si ha la sensazione di tornare indietro nel tempo, tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, quando lo scrittore Giovanni Verga viveva ancora lì e dove ha vissuto per la maggior parte della sua vita catanese, ad esclusione, dei periodi in cui ha soggiornato a Milano e Firenze.
La casa Verga si trova di fronte alla Badia di Santa Chiara, la chiesa di monache di clausura che ispirò il romanzo “Storia di una capinera“. Il racconto di una giovane educanda, che per amore, impazzì e visse nel suo dolore fino alla morte.

Museo Casa Verga: la facciata storica con il grande portone di legno marrone scuro e gli intonaci grigi. In alto i balconi
Museo casa Verga: la facciata con il grande portone di ingresso

Com’è composto il museo Casa Verga?

La grande porta in legno si apre e si è dentro la casa. La prima camera è rappresentata dal salone, oggi adibito ad area espositiva. Nelle teche sono presenti alcune novelle e racconti scritti dal Verga. I Malavoglia, Eva, Don Gesualdo (divenuto successivamente Mastro Don Gesualdo), Vita dei campi e Storia di una capinera. E’ presente anche un quadro donato allo scrittore da Alessandro Abate in occasione dei festeggiamenti per gli ottantanni del Verga.
La camera da letto contiene tre vestiti originali, i cappelli, il letto, l’armadio, e alcuni quadri della propria famiglia.
Vi sono poi la camera degli ospiti, usata anche da Federico de Roberto e la sala da pranzo, collegata con un mobile di servizio alla cucina situata al piano superiore e non esposta al pubblico.

Casa Verga: Plastico marrone con separazioni in bianco che descrivono la composizione della casa
Il plastico della divisione interna di Casa Verga

La biblioteca: il posto preferito del Verga

La camera più importante della casa è senza alcun dubbio la biblioteca. Sono presenti sei librerie piene di libri in versione originale. Sono compresi i libri del giovane Verga e quelli a lui donati da altri autori. Alcuni volumi hanno una curiosità: sulle copertine sono state incise in oro le iniziali G.V. Sembra che al nostro illustre cittadino letterato piacesse rivestire in pelle o tessuto i suoi libri, soprattutto quelli più amati.
Leggendo i titoli e gli autori, in questa stanza si trova racchiusa parte di della più importante letteratura italiana fino ai primi del 900.
Il grande tavolo centrale in noce lavorato, dà la sensazione di vedere lì l’autore ancora piegato a scrivere i suoi romanzi.

Il Museo Casa Verga è un sito turistico da non perdere che affonda le radici nella cultura catanese. Una visita unica quella nella dimora di uno degli uomini che hanno reso celebre la nostra città.

Cavaleri Francesca

Autore: Cavaleri Francesca

Laureata in economia aziendale con specializzazione in direzione aziendale. Nella vita proprietaria di un’agenzia immobiliare. Catanese dalla nascita e innamorata perdutamente della propria città. Ama la lettura, gli animali e la verità!
Casa Verga: un museo intatto nel cuore della città di Catania ultima modifica: 2019-10-08T11:34:30+02:00 da Cavaleri Francesca

Commenti

To Top