I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

CONSIGLI UTILI INTERVISTE

Qualità del sonno al tempo del Coronavirus: l’intervista al Dott. Ferri

Qualità del sonno al tempo del Coronavirus, survey

Qualità del sonno al tempo del Coronavirus. Un progetto che mira a indagare e raccontare i disturbi del sonno e le alterazioni del ritmo sonno-veglia durante l’isolamento. L’intervista al dott. Sebastian Ferri, catanese e pneumologo presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano) e in procinto di conseguire un master sulla medicina del sonno presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna.

“Qualità del sonno al tempo del Coronavirus”. Questo il titolo della survey per valutare gli effetti dell’isolamento e della quarantena sul sonno. Come nasce questo progetto?

Mi sono sempre considerato un buon dormitore ma dall’inizio della pandemia e della conseguente quarantena la qualità del mio sonno è peggiorata. Avevo la testa piena di pensieri, responsabilità e paura. Una notte, mentre non riuscivo a prendere sonno, navigando in rete mi sono reso conto che non ero l’unico. Molti colleghi e amici hanno iniziato a soffrire di insonnia e incubi ricorrenti. Così inizia a nascere un’idea. Il mattino seguente mi contatta un collega di master, il dottor Giuseppe Di Trana. Quella notte, incredibilmente, abbiamo avuto la stessa idea: uno studio sulla qualità del sonno al tempo del coronavirus.

Coronavirus Questionario
Screenshot survey “Qualità del sonno al tempo del Coronavirus”

Sentivamo l’esigenza di dar voce ad un problema che pochi prendono in considerazione ma che può avere ripercussioni sulla qualità della vita. Del resto una scarsa qualità del sonno si traduce in basse performance di giorno, marcata stanchezza, depressione e alterazioni dell’umore. Inoltre è già stato scientificamente provato che l’insonnia può indebolire il sistema immunitario. E questo è un brutto periodo per avere un sistema immunitario debole. Così di comune accordo abbiamo iniziato ad assemblare le idee, creare un protocollo e dar forma alla nostra indagine sotto forma di survey. Abbiamo scelto internet come piattaforma di condivisione proprio perché in un periodo di distanziamento sociale può essere una valida alternativa per “unire le persone”. Il sondaggio in ogni caso è volontario, spontaneo e anonimo.

Per quanto riguarda le domande avete utilizzato un questionario standardizzato e testato?

Abbiamo utilizzato questionari specifici per il sonno già ampiamente validati e standardizzati. In particolare abbiamo inserito delle domande generiche, riguardo parametri fisici come peso, altezza ed età cui fanno seguito poi domande specifiche per la valutazione della qualità de sonno e il rischio di eccessiva sonnolenza e/o insonnia.

Vi è una fascia in particolare a cui si rivolge la survey sulla qualità del sonno al tempo del Coronavirus?

Non vi sono limiti di partecipazione. La survey è aperta a giovani (studenti) e adulti di ogni fascia di età. Speriamo di raggiungere un ampio campione della popolazione italiana che in questo momento si trova in quarantena e può risentire degli effetti dell’isolamento sociale anche in termini di alterazioni del sonno, per capirne gli effetti e imparare a gestire meglio la situazione nelle successive fasi della quarantena e, sperando mai, qualora dovesse ripetersi un evento simile.

Pandemic 5023592 1280
Quarantena – immagine fonte pixabay

Inoltre vorremmo valutare la qualità del sonno di chi in questi mesi ha risentito maggiormente, in termini di carico lavorativo ed emotivo, l’impatto del coronavirus come le professioni sanitarie.

I dati come verranno gestiti?

La survey avrà termine il 4 maggio, quando inizierà la fase 2, che potrebbe “alterare” i dati. Un limite temporale, scelto anche in relazione al miglioramento della curva di contagio e dei numeri. Sia a Milano, che in generale sul territorio italiano. Dal 4 maggio in poi inizieremo a lavorare ai dati, io e il mio collega, in particolare, con tutte le sotto-analisi previste per cercare di ricreare una fotografia della situazione durante la quarantena.

Qui il link per poter accedere al questionario.

Qualità del sonno al tempo del Coronavirus: l’intervista al Dott. Ferri ultima modifica: 2020-04-29T15:22:39+02:00 da Cristina Gatto
To Top