I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

pubbliredazionale NATURA

Mandarino dell’Etna e Clementine Nova: ricchezze catanesi

Clementine Dell'etna e l'autunno
Articolo promozionale

Etna: trionfo di bellezza, di curiose leggende, ma anche di sapori nuovi. Il “marchio Liotru” certifica una considerevole abbondanza di prodotti nati alle pendici di Madre Etna, conosciuti nel resto d’Italia e nel mondo. Dopo avervi raccontato i benefici e le varietà delle pere dell’Etna ed esposto le proprietà dei limoni etnei (futuro marchio Igp), oggi andremo alla scoperta del mandarino dell’Etna e delle clementine locali.
Queste ultime vengono impiegate per la realizzazione di succhi, sorbetti e marmellate. Possono essere adoperate anche per la preparazione di dolci tipici della tradizione siciliana, nonché per la produzione del famoso liquore “Mandarinetto” oppure per la realizzazione del “Mandarino al Limone” venduto nei chioschi e tanto amato dai catanesi.

Mandarino dell’Etna e clementine: uno strano legame

Il mandarino che nasce nelle terre etnee è un ibrido, proviene cioè da un incrocio tra il mandarino Satsuma (originario del Giappone e importato nel 1876) e la clementina. Il mandarino dell’Etna è conosciuto per essere senza semi, di forma sferica ma appiattito all’attaccatura. Dalla varietà “Avana” nascono le clementine (Citrus Clementina). Queste ultime, infatti, sono un incrocio tra l’arancio e il mandarino Avana. Le clementine di tipo Nova, così come il mandarino dell’Etna, vengono coltivate specialmente nella zona catanese.

Clementine Delletna 3
Mandarino dell’Etna prima della raccolta stagionale.

Clementine: le origini

Le clementine sono dolcissime. Rispetto al mandarino hanno un colore più vivo e una forma leggermente più rotonda. Le origini delle clementine vanno ricercate in Algeria. Si crede, infatti, che siano nate accidentalmente nell’orto del missionario francese Clément Rodier. Altri, invece, credono che questo particolare agrume esistesse già in Cina da diversi decenni. Dagli anni ’40 in poi le clementine sono diventate uno degli agrumi più richiesti in Italia. La varietà Nova coltivata alle pendici dell’Etna, grazie alla presenza del terreno lavico e del clima mite, possiedono un sapore e un aspetto unico nel suo genere.

Clementine Delletna 1
Mandarino dell’Etna.

Clementine Nova: proprietà di un agrume tutto Siciliano

La varietà Nova coltivata nelle zone di Fiumefreddo, Paternò e Lentini sono privi di semi, proprio come il Mandarino dell’Etna. L’agrume matura intorno alla metà di Ottobre e possiamo trovarlo tra i banconi dei mercati catanesi fino a Gennaio. Alla raccolta la buccia sottile appare di un arancione molto intenso. La polpa al suo interno è dolce e succosa, caratterizzata da un buon contrasto di zuccheri e acidi. Le Clementine nate alle pendici dell’Etna sono ricche di pregiate caratteristiche organolettiche. Sono ricche di vitamina C, calcio, fosforo, vitamina A e contengono poche calorie.

Mandarino dell’Etna e Clementine Nova: ricchezze catanesi ultima modifica: 2020-10-13T12:15:21+02:00 da Valentina Friscia
To Top