CONSIGLI UTILI

Catania tra riconoscimenti internazionali e turismo

Catania Turismo 2

Il Duomo di Catania

Un mare invidiabile, grandi polmoni verdi e una spiccata impronta culturale, soprattutto barocca. La Città di Catania possiede gran punti di forza per ricevere buona parte delle proprie entrate dal turismo. Tra alti e bassi, l’ex “cittadina” sta diventando una vera metropoli, seppur tra le più piccole comparata ad altre realtà.

La “promozione” scaturisce da diversi fattori tra cui il miglioramento del trasporto pubblico (e mobilità in generale), l’aggiornamento “tecno-social” (acerbo) delle strutture turistiche e i nuovi accordi aeroportuali. L’aumento dell’afflusso turistico catanese è stato premiato da due prestigiosi quotidiani internazionali, restituendo alla metropoli una nuova possibilità di valorizzare il turismo. Il Comune effettua nuove regolazioni, inerenti alla tassa di soggiorno, con qualche aumento.

Metro Catania

Il progetto completo di come dovrebbe essere la futura metropolitana di Catania

La mobilità in favore del turismo: car sharing, autobus e metropolitana

Catania ha quasi tutte le carte in regole per essere definita una metropoli. Il turismo, punto di forza della città, è percepibile nelle strade: s’incontrano gruppi di turisti tutto l’anno. Parte del boom turistico è dovuto ai nuovi servizi relativi alla mobilità.

Con un colpevole ritardo, la città è in costante innovazione. La mobilità è migliorata attraverso piccoli accorgimenti. Un servizio apprezzato dai turisti è il car sharing, più comodo ed economico di un noleggio auto (soprattutto per brevi distanze). Gestito a Catania da Enjoy, il servizio permette spostamenti anche in zone irraggiungibili o scarsamente servite dai mezzi pubblici.

L’hinterland catanese è difficilmente raggiungibile ma alcuni progetti comunali sono (letteralmente) in cantiere. La linea metropolitana per molto tempo è stata costituita da una breve linea Stazione Centrale-Borgo, saltando il centro. Le nuove stazioni di Corso Sicilia e Nesima sono tra le più utilizzate mentre una stazione all’aeroporto è in costruzione. La crescita della metropolitana ha invogliato i turisti che cominciano ad apprezzarla.

Gli autobus pubblici sono stati ammodernati, con un nuovo parco mezzi, aumentando le corse giornaliere e offrendo nuove linee (Brt, Alibus o DinamicoBus). Durante le occasioni festive i trasporti pubblici offrono orari di servizio straordinari, allineandosi all’esigenze turistiche. Tra i servizi privati in favore del turismo si annovera FlixBus.

Catania Pass

La carta dà accesso a diverse agevolazioni per visitare al meglio Catania

Catania: prima città alternativa per il turismo e cucina da primato, parola di New York Times e The Guardian

Il crescente turismo non è passato inosservato. Le testate giornalistiche internazionali New York Times (Nyt) e The Guardian hanno fatto risaltare Catania come un’eccellenza turistica insolita e dalla cucina inimitabile.

Il britannico The Guardian definisce la metropoli: «La migliore città alternativa d’Europa. Se vuoi un breve riassunto del carattere di Catania, non guardare oltre la montagna cupa ed esplosiva che incombe su di essa: l’Etna. La città universitaria sulla costa orientale può essere intensa, caotica e bellissima». L’autore ne consiglia la visita verso fine estate.

Catania è stata scelta per diversi motivi: «Nel centro della città si trova un vecchio quartiere pieno di torri e piazze, patrimonio dell’Unesco, quando Catania stava cercando di superare la sua rivale, Palermo. La Piazza del Duomo è il fulcro; altri punti salienti includono il Teatro Massimo Bellini, una produzione sontuosa come qualsiasi opera di Bellini. Eppure il vero must-see è il tumultuoso mercato del pesce. La spiaggia sabbiosa a sud della città fiancheggiata da lidi e discoteche. Si calma dopo agosto, ma il mare rimane caldo all’inizio dell’autunno».

The Guardian consiglia: «Il piatto tipico della città, la pasta alla norma, dal nome di un’opera di Bellini». La pietanza catanese è menzionata anche dall’articolo del New York Times sulla cucina siciliana. La pasta alla Norma e il cannolo primeggiano la lista, senza dimenticare caponata, spaghetti coi ricci, frittura mista di pesce, scaccia ragusana, cassata e lo street food. Il Nyt è esplicito: «Il viaggio definitivo in Italia passa per la Sicilia».

Il boom turistico porta con sé nuovi servizi…

Il turismo a Catania ha un nuovo volto. Uno degli elementi più interessanti è l’introduzione dei servizi tecnologici in stretto legame coi social, facilitando la fruizione del contenuto turistico. Un esempio è l’introduzione dei QR Code nei cartelli turistici.

Un nuovo strumento turistico (ma accessibile a tutti) è il Catania Pass. L’iniziativa promossa dal Comune e realizzata assieme all’AMT permette, attraverso una card convenzionata, accessi gratuiti o agevolati ai musei (tra cui Museo Diocesano, Castello Ursino, Museo Belliniano, Terme Achilliane), l’utilizzo illimitato del trasporto pubblico (metropolitana e Alibus compresi) e sconti in vari esercizi commerciali.

La Catania Pass Card è disponibile in versione standard o family (2 adulti con uno o due bambini al di sotto dei 13 anni), consegnata assieme a una mappa bilingue (Ita/Ing) con informazioni utili per esplorare la città.

Service Bell And Cardkeys On Hotel Reception Desk

Le nuove regolazioni prevedono l’aumento sino al massimale per i 5 stelle

…e aumenti, tassa di soggiorno inclusa

Il Comune di Catania ha concordato con il settore turistico un nuovo regolamento per la tassa di soggiorno. L’intento dell’Amministrazione è razionalizzare il gettito dell’imposta, destinato a finanziare gli interventi in materia di turismo.

Il nuovo regolamento prevede che l’imposta venga applicata dal Comune anche a chi pernotta in immobili a uso abitativo per periodi inferiori ai 30 giorni (cosiddette locazioni brevi). Si sta lavorando a delle convenzioni con piattaforme telematiche come Airbnb, l’obbligo esteso della trasmissione telematica dei dati e relativi report trimestrali.

È prevista una riduzione del 50% per gruppi scolastici in visita didattica, partecipanti a scambi culturali universitari e team sportivi. Un Comune in dissesto può applicare l’aliquota massima. A Catania il massimale (5 euro) sarà applicato ai cinque stelle. Una graduale riduzione avverrà in relazione alla classificazione: 2,50 euro per i quattro stelle, 2 euro per B&B e tre stelle e 1,50 euro le restanti categorie inferiori.

Più 700 strutture ricettive saranno coinvolte, oltre quelle derivanti dalla possibile convenzione con Airbnb. Punti chiave per il sindaco di Catania Salvo Pogliese sono evasione e turismo: «Un cambio di rotta significativo per contrastare la larga evasione. Abbiamo incrementato il 40% degli incassi ma puntiamo almeno a raddoppiare le entrate. Occorre investire le risorse suppletive principalmente in termini di comunicazione promozionale della Città e degli eventi, per fare conoscere per tempo l’offerta turistica. Contiamo di recuperare in fretta il tempo perduto per allinearci alle grandi città».

Catania è in continuo mutamento ed emergono tratti da metropoli. Iniziative private e comunali, aggiornamenti turistici tecno social e mobilità in espansione (sino all’aeroporto) uniti a sapori tradizionali, edifici storici e cucina locale hanno reso il turismo appetibile. La nuova tassa di soggiorno crea qualche aumento ed estende il raggio d’azione. Si auspica che il turismo non sia intaccato da aumenti eccessivi.

Marco D'Urso

Autore: Marco D’Urso

Giornalista, spero di vivere di questa passione. Fanatico delle due ruote e della fotografia; pieno di ideali e senza prezzo nel cartellino.

Catania tra riconoscimenti internazionali e turismo ultima modifica: 2019-03-06T11:23:11+01:00 da Marco D'Urso

Commenti

To Top