I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

CIBO

Pani cottu: dal proverbio alla tavola dei catanesi

Pani cottu: il pane raffermo è l'elemento base

L’espressione “A ca fari pani cottu?” (“Cosa ne devi fare, il pane cotto?”), viene usata per indicare qualcosa che si trova “al suo ultimo stato di utilizzo”. Allo stesso modo del pane cotto. Cioè il pane raffermo, o pane duro ormai inutilizzabile anche per fare il pan grattato. Si tratta di una zuppa tipica della cucina povera catanese.

Pani cottu: il proverbio che ne parla

Il pane cotto è presente anche in un altro proverbio. “S’avissi pignateddu, oggi e Sali mi facissi lu pani cottu. S’avissi lu pani.”. Allo stesso modo in italiano “Se avessi il pentolino, l’olio ed il sale, mi farei il pane cotto, se avessi il pane”. Questo proverbio si rivolge soprattutto a chi vuole realizzare qualcosa, ma non dispone dei mezzi per farlo. Essendo il pane cotto una delle più povere ricette, bramare il pane cotto significava essere davvero in una situazione di grossa indigenza.

Condimentipanicottu
Pani cottu: gli ingredienti per prepararlo – Foto: Pixabay

La ricetta di nonna Maria

La famiglia della signora Maria trasferì a Catania quando lei era molto giovane, in cerca di fortuna. Ricordando al sua fanciullezza ci dice che “Ni manciai pani cottu” con un amaro sorriso sulle labbra. Per indicare che non avevano molto, quindi il pane cottu era molto frequente in tavola e oggi ci racconta la sua ricetta per prepare questa pietanza.

Per prepararlo di vogliono 5 ingredienti. Pane raffermo, due pomodori maturi, olio, sale ed aglio. Il procedimento è semplicissimo.
In un tegame mettere l’aglio a rosolare con un pochino di olio d’oliva. Togliere l’aglio ed aggiungere i pomodori tagliati a pezzi. Fare insaporire ad aggiungere un litro d’acqua. Aggiungere il sale e lasciare bollire per circa 10 minuti. Unire il pane raffermo, mescolando per un paio di minuti e un ciuffo di basilico o di prezzemolo. Una bella spolverata di pepato ed il piatto è pronto per essere gustato anche in questa stagione.
Provare per credere!

Pani cottu: dal proverbio alla tavola dei catanesi ultima modifica: 2020-05-27T15:20:08+02:00 da Cavaleri Francesca
To Top