SPORT

Tomas Denis Calvagni: campione catanese delle quattro ruote

Tomas Denis Calvagni è il campione catanese delle quattro ruote.

20273,20176

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Campione e attuale pilota in Sn1-pro, oltre che istruttore nella Selezione Nazionale Piloti, una squadra che gareggia in varie discipline dell’automobilismo, Tomas Denis Calvagni è la tra le promesse delle quattro ruote. Nel suo DNA sono compendiate diverse componenti: italo-argentina, polacca, indiana del sud America e catanese, proprio così, Tomas è nato e vive a Catania.

Ha vinto quattro volte il titolo italiano di campione, alcune delle quali per ben tre volte di fila, (record ancora imbattuto) nel 2012,2013,2014 e 2016. Con #ItCatania conosciamo meglio questo campione.

Vittorie e titoli

Ecco il suo palmarès con i primi posti conquistati: 50 vittorie in carriera all’attivo nella categoria Sn1. Nel 2011 si è classificato primo alla super pole position cup. Nel 2012 e 2013 è divenuto campione italiano goldencup. Nel 2014 si è riconfermato campione italiano goldencup (kart e Formula) e ha conquistato il titolo di Pilota dell’anno 2014. Nel 2015 ha ottenuto nuovamente il titolo di pilota dell’anno. Nel 2016 si è laureato campione italiano cat Sn1-pro champions cup. Nel 2016 ha conseguito anche il titolo di campione italiano 4Tcup. Nel 2017 è vincitore della Coppa dei Campioni SNP. Nella stagione 2017-2018 ha vinto la super pole position cup. Questi solo alcuni dei successi conseguiti da Tomas. Ecco quello che ci ha raccontato.

Tomas

Tomas Denis Calvagni ha vinto quattro volte il titolo italiano di cui tre di fila (record imbattuto) nel 2012,2013,2014 e 2016.

Dove e quando nasce la tua passione per l’automobilismo?

<< Si può dire sia nata e cresciuta con me. Sin da piccolino ho sempre amato e preferito le auto da corsa al calcio. Fa parte di me della mia persona, nelle vene scorre benzina. La mia avventura incomincia nel 2008, partecipando a una due giorni in pista organizzati dalla Sparco, su 90 partecipanti mi sono piazzato al 3′ posto. Da lì ho avuto accesso al mondo Selezione Nazionale Piloti, vincendo all’esordio due gare (record ancora imbattuto).>>

Quali sono i tuoi punti di riferimento e perché?

Sono molti i piloti talentuosi da prendere come riferimento, per me sono: Ayrton Senna, soprannominato “The Magic“, per la sua dedizione ad avvicinarsi alla perfezione in ogni sua azione, in pista forse il più grande di tutti i tempi e fuori la pista un uomo dallo spessore umano altissimo. Proprio quest’anno ricorre un importantrissimo anniversario che getta nuova luce su questo campione assoluto. C’è poi Mika Hakkinen, detto “The Flying Finn“, pilota velocissimo ed estremamente corretto; con lui ho amato la F1, l’ho vissuta  intensamente. Infine Thomas Maldwyn Pryce, talento puro e cristallino degli anni 70′, guida funambolica, mago sul bagnato e veloce con ogni mezzo guidato, umile ed introverso fuori dall’abitacolo, un leone in pista. Ognuno di loro ha inciso su di me nella scelta di questa strada, una vera passione che affianco alla pittura, all’amore per l’arte e per altri settori.

Che ruolo hanno le donne in questo settore? C’è qualche pilota donna che annoveri fra i tuoi punti di riferimento?

<< Nonostante non lo si consideri, ci sono parecchie figure femminili impegnate nel settore automobilisico, in molteplici vesti. Numerose sono le donne ingegnere, pilota, team manager… una fra tante che mi sento di ricordare è sicuramente Lella Lombardi, una donna in una F1 anni 70′, velocissima che è stata una stella brillante, in un periodo di fuoriclasse del volante ha saputo farsi valere e conquistare un punto in campionato.>>

Tom2

Campione e attuale pilota in Sn1-pro, oltre che istruttore nella Selezione Nazionale Piloti, una squadra che gareggia in varie discipline dell’automobilismo (go kart, monoposto, rally) per le categorie Sn3 ed Sn2, Tomas Denis Calvagni è la tra le promesse delle quattro ruote.

Sei anche un istruttore presso la Selezione nazionale piloti. Quali sono gli insegnamenti anche morali, oltre che tecnici, che impartisci ai tuoi allievi?

<< Sì, sono un istruttore insieme a Nicola Castiglione, mio mentore e amico. Il nostro motto è: “Lo Sport è maestro di vita“; assieme seguiamo ogni pilota, piccolo o grande, forgiando ogni suo aspetto, da quello tecnico a quello psicologico sulla persona, dandogli delle indicazioni su come affrontare la pressione e le difficoltà derivanti dall’affrontare una competizione sportiva ad alta velocità. Occorre fornire ad ognuno strumenti per essere migliori dentro e fuori la pista, responsabilizzando ogni pilota su questioni di diversa natura. E’ una sorta di formazione “totale”.>>

Qual è la situazione attuale di questo sport a Catania?

<< Diciamo che ancora oggi non è lo sport principale, interessa solo il calcio. E’ un peccato perché questo tipo di agonismo dà sfogo a moltissimi valori che forgiano la personalità di un individuo.>>

Che differenze ci sono tra il mondo Cart e quello della Formula 1?

<< Entrambi sono settori competitivi, con ricerche e sviluppo continui, l’unica differenza fra le due categorie sta nei costi che sono molto elevati; per il resto il kart è il mezzo che più si avvicina alle prestazioni di una F1 come rapporto peso potenza.>>

Cosa cambieresti dell’automobilismo sportivo italiano?

<< Sicuramente abbasserei i costi, questo è uno sport troppo dispendioso, troppo business vi ruota intorno e questo lo rende uno sport per ricchi, molti ragazzi appassionati non possono mettere in pratica la loro passione per mancanza di budget, per questa ragione è nata la selezione nazionale piloti, attiva da ben 17 anni che rende possibile tutto ciò.>>

Tomas

Tomas Denis Calvagni è pronto per cimentarsi in altri campionati e conquistare altri premi.

Progetti attuali e futuri?

<< I progetti attuali sono quelli di crescere ancora come istruttore e come pilota. Assieme al mio team, stiamo utilizzando nuove tecnologie e simulatori di guida professionali, con essi abbiamo avvicinato molte persone a questo sport, dando loro nozioni di guida e un po’ di sano agonismo con classifiche dedicate per ogni prova.
Come pilota oltre ad essere in Sn1Pro, sto gareggiando nel campionato italiano Smart eq fortwo e-cup rappresentando ComerSud, con vetture completamente elettriche.>>

Automobili e…non solo

Tomas ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte, conseguendo nel 2006 il Diploma di Maturità d’Arte Applicata nella sezione “Rilievo e Catalogazione”. Ha frequentato anche l’Accademia di Belle Arti, e dà sfogo anche alla sua vena artistica, facendo un mix fra colori, quattro ruote e pittura. Ha collaborato con la Galleria d’Arte “Firme d’Autore” di Giarre. Ha partecipato a svariati concorsi regionali e nazionali ottenendo notevoli consensi dalla critica e dal pubblico. Tomas coltiva anche la passione per la musica, quella rock.

Come disse Graham Hill: “la pista é la mia tela. La mia auto é il mio pennello, sin da piccolo ho sempre amato disegnare, e riesco a dare il meglio di me quando ritraggo una vettura”. In questo modo trovo il giusto legame fra le mie passioni. Nel 2010 ho pure vinto il primo premio per il centenario dell’ Alfa Romeo partecipando ad un concorso di pittura. L’una vive bene in simbiosi con l’altra.

Auguriamo a questo campione catanese di conseguire altre vittorie e portare alto il nome di Catania.

Segui Tomas su: https://www.facebook.com/tomas.calvagni

Vedi anche: https://catania.italiani.it/giovanni-petronio-russo-ladranita-che-invento-la-prima-automobile/ 

Sabrina Port

Autore: Sabrina Port

Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, con il sogno del giornalismo, scrive da alcuni anni su testate locali, cercando di valorizzare quanto di più bello c’è nella nostra Sicilia e a Catania.

Tomas Denis Calvagni: campione catanese delle quattro ruote ultima modifica: 2019-05-16T11:40:16+02:00 da Sabrina Port

Commenti

To Top