COSA FACCIAMO

Mare, profumo di mare… il tipico catanese in spiaggia

Madmartigand Meridionews

Il catanese deve farsi riconoscere, anche al mare. C’è a chi basta un telo mare e un paio di occhiali per proteggersi dal sole e c’è chi si reca in spiaggia portando con sé quintali di cibo e generazioni di parenti al seguito! Ed è proprio di questi ultimi che vogliamo parlarvi oggi.

La spiaggetta di San Giovanni Li Cuti. Fonte foto: lasicilia.it

La spiaggetta di San Giovanni Li Cuti. Fonte foto: lasicilia.it

Il catanese al mare: la preparazione del giorno prima

Vi abbiamo già raccontato dei preparativi per la scampagnata del 25 aprile e non poteva mancare un excursus della famiglia catanese doc che si prepara per andare al mare.
La madre, dopo aver telefonato a parenti ed amici per avvisarli di “non puttari nenti” perché al pranzo in spiaggia sta pensando lei, si accinge alla preparazione del regale pranzo rigorosamente la sera prima. Mulinciane fritte, cutuletti, peperonata, pammiggiana e pasta o funnu basteranno a saziare i palati sopraffini dei suoi ospiti? Per mantenersi leggeri (perché sì, a mare bisogna mantenersi leggeri) porterà con sé la classica anguria pronta ad essere divorata dai suoi commensali dopo pranzo.

La mattina presto la famiglia catanese, armata di borse frigo, teglie, ombrelloni, stuoie, paletta e secchiello per i più piccoli, decide la location. Playa o scogliera? La scelta può essere solo una. Ci viene in aiuto Pippo Pattavina e Tuccio Musumeci che, in una scenetta teatrale, recitavano: “Ni ni emu a spiaggia libera, ca soddi non ci n’è”. E così, con la macchina stracolma e il sole cocente, ci si reca al mare!

La playa di Catania. Fonte foto: Youtube P.Carey

La playa di Catania. Fonte foto: Youtube P.Carey

Il catanese al mare: una mattinata all’insegna del divertimento e del buon cibo

Arrivata in spiaggia la famiglia catanese si fa notare immediatamente. Tra gli sguardi incuriositi dei vicini di ombrellone (indubbiamente non catanesi), iniziano a sistemare quello che sarà l’appezzamento di spiaggia a completa disposizione dell’allegra combriccola. Dopo svariati bagni in mare, tuffi e nuotate al largo, la compagnia si prepara a divorare le prelibatezze che la madre ha preparato per loro. E così, mentre i vicini di ombrellone si accontentano di un semplice panino con prosciutto e formaggio, loro hanno a disposizione un’intera tavolata stracolma di tipicità siciliane. Ma la famiglia catanese, conosciuta nel mondo per essere calorosa ed affabile con tutti, dopo aver fatto amicizia con i vicini di ombrellone, offre loro un pezzo di “pammiggiana” e un gustosissimo panino imbottito con le “mulinciane fritte“. Il primo pomeriggio sarà dedicato al relax: i masculi giocheranno a carte, mentre le fimmine si godranno il meritato riposo al fresco sotto l’ombrellone.

Il pomeriggio, dopo aver digerito il pranzo, ci si accingerà a fare l’ultimo bagno al mare della giornata. Così, dopo un giorno all’insegna del buon cibo, di giochi e di nuove amicizie, la combriccola ritornerà a casa, consapevole di aver fatto tutto quello che c’era da fare per rendere indimenticabile questo giorno al mare.

Il catanese goliardico tanto amato dai turisti

Vi abbiamo raccontato, in modo ironico, come il “tipico catanese” si approccia con la sua città. Il mare e la spiaggia fanno così parte della nostra realtà e vengono considerati come “casa”: amata, curata e sempre ospitale.

La naturalezza e la cortesia, caratteristiche che ci contraddistinguono, vengono solitamente ben viste dai turisti. Il modo di porsi goliardico, simpatico e con la battuta sempre pronta, piace a chi decide di esplorare il capoluogo etneo.
E dopo aver visitato Catania non si può che ritornare a casa con il cuore pieno di emozioni.

Fonte immagine di copertina: Madmartigand 

Valentina Friscia

Autore: Valentina Friscia

Chi sono io? Un’amante della vita, della lettura, degli animali e della propria città. La versatilità è una delle mie virtù, così come l’enorme pazienza nei confronti del genere umano. L’amore per i libri e per la scrittura mi ha permesso di accedere ad un mondo fino a poco tempo fa sconosciuto: l’arte del giornalismo con tutte le sue sfaccettature.

Mare, profumo di mare… il tipico catanese in spiaggia ultima modifica: 2018-07-10T09:00:39+00:00 da Valentina Friscia

Commenti

To Top