UNICT

Le uova di Pasqua degli studenti di Operatori Turistici

Iniziano le giornate. Quelle giornate delle persone comuni. Quelle in cui i giovani, nonostante le critiche del nostro secolo, vivono. In cui si alzano per dare forma ai propri sogni e alle proprie ambizioni. All’Università di Catania presso la facoltà di Operatori Turistici, i ragazzi del Movimento Studentesco Universitario portano avanti un’interessante iniziativa di solidarietà durante la settimana di Pasqua. Oltre il proprio perimetro vitale. Oltre gli esami, le lezioni, lo schermo dello smartphone. Scoprite cosa hanno realizzato leggendo la nostra intervista!

Com’è nato l’incontro tra Airc e formazione di Operatori turistici? Chi ha preso iniziativa?

Ogni anno i nostri consiglieri di dipartimento prendono contatti con l’Associazione Italiana per  la  Ricerca sul  Cancro per ospitarla nelle strutture del  nostro dipartimento al fine di aiutarla con una raccolta fondi dedita alla ricerca. Quest’anno abbiamo deciso di accodarci anche noi come associazione “Movimento Studentesco Universitario “ per tale iniziativa, dando man forte a chi da anni continua a credere in questa ricerca. Ringraziamo per tale motivo  l’associazione universitaria che ci ha permesso di collaborare con loro, ovvero  Azione Universitaria.

Qual è stata la reazione dei referenti universitari in merito all’iniziativa?

Assolutamente positiva, crediamo fortemente nel sostentamento di tali ricerche affinché si  cerchi  di  trovare quante più  soluzioni  possibili  per abbattere  questa difficoltà,  siamo nel 2018 ed è giusto incrementare tali ricerche.

 Dov’è stato allestito il banchetto per la vendita delle Uova di Paqua?

E’ stato allestito presso i due complessi del nostro dipartimento ossia alle Verginelle e in via Ofelia. Qui grazie al lavoro della nostra presidentessa, i ragazzi della  nostra  associazione si sono organizzati e divisi  per turni. Abbiamo dedicato due intere giornate, quali lunedì  19 marzo e martedì  20 marzo dalle 9 alle 18

Dipartimento scienze della formazione le Verginelle Fonte foto: www.disfor.unict.it

Uova di Pasqua tra le vie della città: è stata la vostra prima iniziativa sociale ?

A dire il vero si, questa è stata la nostra prima iniziativa, abbiamo sempre puntato sul potenziamento del nostro corso di laurea quale Formazione di Operatori Turistici impegnando tutte le nostre forze nell’aiuto didattico e quanto ne concerne. Ma avendo una struttura forte sulle spalle, che conta molti membri al  suo interno, ci  siamo detti  che potevamo fare  qualcosa  di  più. E’ stato infatti proprio uno  dei  nostri  ragazzi a lanciare l’idea di  organizzare  una raccolta  inter nos  per  l’acquisto di  alcune uova di Pasqua ampliando  il  nostro aiuto anche a  livello sociale, forse quel  quid  in  più che ci  mancava.

A chi avete consegnato le uova acquistate con i fondi raccolti all’interno del Movimento Studentesco Universitario?

Abbiamo deciso  di  riunirci  martedì  27  Marzo in  orario  serale per la distribuzione  delle  uova  ai senzatetto, a coloro che per  varie vicissitudini  patiscono  il  freddo nelle strade  non  riuscendo  più a sentire il  calore della festa   Volevamo donare  i nostri giovani sorrisi insieme al simbolo prettamente commerciale della Pasqua quale l’uovo di cioccolato a chi comunemente dorme per strada o è  in  gravi difficoltà

Come avete vissuto quest’esperienza? La ripeterete anche negli anni futuri?

E’ stato un altro momento  dove  il  nostro  concetto di famiglia ha preso piede. Eravamo tutti lì pronti a sostenerci, a spenderci  per il prossimo. E’ stato  veramente  bello e speriamo non solo di poterlo ripetere ma di spenderci di più per il sociale.

Uova di Pasqua ai senzatetto

Che messaggio ha trasmesso il Movimento Studentesco Universitario secondo voi alla città di Catania?

Francesco Valore : Secondo me abbiamo trasmesso un messaggio forte, che potrebbe far riflettere tante persone.  Se fossi  una  persona  esterna  al  movimento e vedessi  tutto ciò mi  chiederei  “come fanno dei  ragazzi, studenti e non lavoratori,  a fare tutto ciò?  Perché non posso farlo anche io?”  Magari (e  dico magari perché mi piacerebbe davvero) molte persone o anche aziende tipo supermercati riusciranno ad imitarci dando la possibilità, a  chi  purtroppo  non  ce l’ha, di  sentirsi amati in un  giorno  così  importante come quello della Santa Pasqua.

Carola Faia :  Direi  che passa  il  messaggio che anche  ogni singola persona  può  fare  qualcosa  nonostante tutto. Chi vuole fa, non ci sono scuse.

“Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo” probabilmente Gandhi aveva ancora fiducia nell’uomo. E questi atti di sincero interesse per la comunità magari ci danno la speranza che realmente possiamo credere nel cambiamento.

Un grosso grazie ed in bocca a lupo al Movimento Studentesco Universitario  della facoltà di operatori Turistici

 

 

Giusina Torre

Autore: Giusina Torre

Studio all’università degli studi di Catania e sto per diventare un tour operator. Uno stage come travel writer mi ha permesso di unire insieme le mie tre grandi passioni ovvero la scrittura, i viaggi e lo studio delle culture straniere. Reputo che comunicare sia importante, motivo per il quale cerco sempre di mettere per iscritto le mie emozioni condividendole con chi ha voglia di inciampare tra le mie righe.

Le uova di Pasqua degli studenti di Operatori Turistici ultima modifica: 2018-03-30T10:51:02+00:00 da Giusina Torre

Commenti

To Top