CUCINA CATANESE

Il limoncello…. direttamente dalla nostra città

Limoni

E’ il re dei digestivi e come tale viene amato ed apprezzato in tutto il mondo. La tradizione della cucina italiana lo colloca come prodotto leader di Sorrento e Capri, ma anche a Catania se ne fanno di ottimi. Tutto deriva dal fatto che è davvero facile produrne direttamente in casa. Grazie, alla Piana di Catania, ricca di limoneti ed agrumeti è possibile preparsi un digestivo davvero buono. I limoni migliori? Quella della sabbia. Ciò quei limoneti a ridosso della spiaggia tipica della zona della Piana di Catania e Vaccarizzo.

Limoncello

Limoni di Sicilia

Limoni di Sicilia

Come si prepara il limoncello in casa?

Che si voglia preparare un limoncello o un mandarinetto la proceduta è sempre la stessa e anche molto semplice. Ecco i passi da seguire:

  1. Mettere a mecerazione con alcool etilico, alcune foglie e bucce di limone (circa una decina);
  2. Attendere 15-20 giorni per lasciare riposare la miscela;
  3. Nel frattempo mescolare quotidianamente;
  4. Filtrare e separare il liquido dai residui di foglie e bucce;
  5. Decorsi i giorni indicati, portare ad ebollizione 850 grammi di zucchero in un litro acqua;
  6. Fare raffreddare l’acqua ed unire il tutto;
  7. Attendere ancora un mesetto ed il gioco è fatto.

Nel caso si volesse ottenere un mandarinetto, basta semplicemente sostituire le bocce e le foglie del limone con quelle del mandarino. La ricetta appena indicata è quella tradizionale e contadina. A Catania, nelle distillerie la procedura è più commerciale, spesso il prodotto finito è più chiaro e più lavorato.

Rosoli e limoncelli nella storia

Secondo la tradizione la celebre bevanda al limone, nasce nei primi del 900.  La maternità viene attribuita alla Sig.ra Maria Antonia Farace, che lo distrubuiva ai clienti della sua pensione a Capri. Nel 1988 il figlio, Massimo Canale registrò il nome del liquore con il nome di Limoncello. Benchè abbia origini campane, è apprezzatissimo anche in Sicilia fin da subito. A differenza di quello originario, a Catania, è il “verdello” è quello più usato. La ticipità di questo limone è quello di avere una buccia più verdognola. Conferisce al liquore un sapore più particolare. La polpa gialla è meno acida. Vengono prodotti in tutta la provincia di Catania ed adoperati molto in cucina.

Una ricetta semplice che trova le sue radici nella cultura tutta siciliana. Addirittura c’è chi sostiene che venisse preparato e utilizzato dai contadini per contrastare il freddo. I rosoli, invece sono legati ai preti che lo producevano nelle loro chiese. I viandanti apprezzandone il sapone ne hanno contribuito la diffusione.

Mandarini Oggi

Mandarini siciliani

Piccola curiosità…

Nel 2000 l’Istat ha inserito il limoncello tra i prodotti che compongono il paniere su cui si calcola l’inflazione. Inoltre è un prodotto che gode le marchio IGP per quei limoni coltivati lungo tutta la penisola sorrentina. Questi limoni vengono fatti crescere sotto impalcature di castagni alti che li proteggono dagli agenti atmosferici. I limoni siciliani sono totalmente bio che basta raccoglierli ed utilizzarli in cucina e nei vari preparati. Per gustarlo al meglio, soprattutto in estate ecco un piccolo trucchetto. Mettere in freezer i bicchieri di vetro qualche minuto prima di servire il liquore. L’effetto sarà decisamente rinfrescante e digestivo.

Cavaleri Francesca

Autore: Cavaleri Francesca

Laureata in economia aziendale con specializzazione in direzione aziendale. Nella vita proprietaria di un’agenzia immobiliare “diversa”. All’interno del punto vendita tutti i servizi per gestire in tutta tranquillità tutto ciò che riguarda un immobile. Ama la lettura, gli animali e la verità!

Il limoncello…. direttamente dalla nostra città ultima modifica: 2018-11-12T11:04:28+00:00 da Cavaleri Francesca

Commenti

To Top