I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

CONSIGLI UTILI

Usca: le unità speciali per curare il Covid-19

Usca Contro Covid a catania

Le U.S.C.A. sono state introtte con il decreto legge n.14 del 9 marzo 2020 e hanno lo scopo di prestare assistenza domiciliare ai pazienti affetti da COVID-19 che non necessitano di ricovero ospedaliero.
Alle soglie dell’avvio della Fase 2 a Catania hanno già aperto tre presidi che daranno supporto al lavoro dei Medici di famiglia, del personale della Guardia Medica e dei Medici Pediatri. Le Unità Speciali di Continuità Assistenziale sono state previste dopo un Accordo dell’Azienda Usl con le rappresentanze sindacali dei Medici di Medicina Generale.
Le USCA, coordinate dal Dipartimento per le Attività territoriali, svolgono la loro attività a livello distrettuale e seguono uno specifico protocollo d’intervento che vede la sinergia fra Asp di Catania e l’Azienda Ospedaliera “Cannizzaro”.

Logoasp
Usca: Logo Asp – https://www.aspct.it/

Usca: come funzionano?

I medici delle Usca intervengono su indicazione del medico di famiglia o del pediatra, dopo che questi hanno svolto un’attività di triage telefonico.
Ciò servorà ad evitare che pazienti con sospetto contagio, con o senza sintomi, si rechino negli ambulatori medici, in guardia medica o presso i Pronto Soccorso. Un’azione volta a ridurre il rischio di contagio di dottori e di pazienti che ri recano in ospedale per altri motivi.
Secondo Franco Luca, responsabile Usca Catania, questi team di specialisti potranno:
– monitorare i pazienti positivi al Covid;
– controllare il decorso della malattia nei pazienti che sono usciti dalle aziende ospedaliere;
– rilevare i sintomi dei soggetti sottoposti a isolamento domiciliare, ovvero quelle persone che hanno avuto contatti con infetti, o provenienti da focolai.

Ansiani
Anziani nei corsia – Foto:Pixabay

Cosa prevede il protocollo sanitario?

Il protocollo sanitario prevede una condivisione tra Usca e il medico di base, che segnale il paziente, inoltre sono coinvolti i consulenti infettivologi dei più noti ospedali catanesi che potranno consigliare agli operatori Usca la terapia da eseguire a livello domiciliare.
Le attività delle Usca riguarderanno anche le case di riposo, le case famiglia e le comunità allogio. Le Usca potranno pertanto intervenire tutte le volte che si palesi un sospetto di contaggio.
Disposto anche lo screening Covid preventivo per il personale delle SRA, CTA, e CTR della provincia. Si prevede l’esecuzione di oltre 2500 tamponi, fra ospiti e personale delle strutture: ciò permetterò di capire l’andamento epidemiologico in queste residenze sanitarie.
La speranza è di iniziare a curare i pazienti già dal manifestarsi dei primi sintomi.

Usca: le unità speciali per curare il Covid-19 ultima modifica: 2020-05-11T14:52:00+02:00 da Cavaleri Francesca
To Top