itCatania - Presto Catania sarà zona gialla, ecco cosa potrebbe cambiare

itCatania

CONSIGLI UTILI

Presto Catania sarà zona gialla, ecco cosa potrebbe cambiare

Lunedì 17 Catania in zona gialla? Non è utopia!

Ebbene sì, la Sicilia, e quindi la nostra Catania, potrebbe diventare già da lunedì prossimo (giorno 17 maggio) zona gialla. Il progressivo cambio di colore era previsto per lo scorso lunedì 10, ma controllati i dati si è voluto attendere un’ulteriore settimana. Oggi, però, i numeri del contagio sono molto confortanti, lo dice anche il Presidente della Regione. Infatti, l’indice Rt ospedaliero parla chiaro: c’è un progressivo svuotamento degli ospedali e i reparti Covid per il momento sono lontani dalla saturazione. Inoltre, la campagna di vaccinazione ha preso decisamente un’impennata e ormai procede con una speranzosa regolarità.

Dunque, è evidente a Catania ci prepariamo alla zona gialla, che non è più la zona gialla di qualche settimana fa. Dato il nuovo decreto, la zona gialla ora prevede molte più riaperture, ed oggi con #itCatania vediamo come potrebbero cambiare le cose nella nostra città. Nella speranza di ritornare, sempre con cautela e usando tutte le precauzioni, ad una situazione di parziale regolarità.

Gli spostamenti in zona gialla

Permane il coprifuoco dalla 22.00 alle 5.00 su tutto il territorio nazionale. Si potrà andare a trovare parenti e amici, l’importante è non superare le 4 persone in visita (nel conteggio vengono esclusi i minori e le persone non autosufficienti). Se ci si vuole spostare, sempre dalle ore 5.00 alle 22.00, verso una località in zona bianca (per il momento in Italia nessuna lo è) o gialla, lo si potrà fare senza giustificarne il motivo. Inoltre, se si è in possesso della certificazione verde COVID-19 valida ci si potrà spostare su tutto il territorio Nazionale. Se si ha una seconda abitazione, ed è anch’essa situata in zona gialla o bianca, ci si potrà fare rientro, senza alcuna autorizzazione.

Cinema: le nuove disposizioni con la futura Catania zona gialla
Un cinema deserto in foto, ma dal prossimo lunedì se confermata Catania in zona gialla le cos potrebbero cambiare (photo by pixabay)

Catania in zona gialla? Ecco come potrebbero andare le cose per la scuola, la ristorazione e la cultura

Per quanto riguarda la scuola, ritornano in presenza anche i ragazzi delle superiori, al 70%, e in alcuni casi al 100%. Mentre, le scuole medie e quelle dell’infanzia già a Catania erano rimaste in presenza. Resta salvo, che per frequentare laboratori e per i ragazzi con disabilità permane la possibilità della presenza. Inoltre, il ministero per questa estate ha stanziato i finanziamenti per il piano scuola estate. I ragazzi potranno fare attività di ogni tipo, organizzate dai propri istituti scolastici, con anche l’ausilio del territorio con le associazioni e gli enti terzi, al fine di recuperare i mesi persi a causa della pandemia.

Per i bar e i ristoranti arriva una sorta di via libera. Si potrà, infatti, consumare nei locali, a patto che abbiano possibilità di consumo all’aria aperta, fino alle 22.00. Resta confermato l’asporto sempre fino alle 22.00 e le consegne a domicilio senza limite di orario. Infatti, sono moltissimi gli imprenditori della città che stanno riadattando i loro locali in base a questo nuovo decreto, per poter riaprire finalmente dopo più di un anno di stop alternato.

La cultura, ed era ora lasciatecelo dire, ha una svolta: infatti, riaprono al pubblico cinema, teatri, sale da concerto, e similari. Questi luoghi dovranno, però, regolamentare i propri posti a sedere, che saranno tutti pre-assegnati e a distanza di un metro l’uno dall’altro. La capienza massima consentita è limitata al 50% di quella massima autorizzata, in ogni caso non superiore a 500 spettatori al chiuso e 1000 all’aperto. La situazione potrebbe cambiare drasticamente, in base ai dati del contagio. Inoltre, dal primo di luglio si potrà ripartire con fiere, sagre, convegni e congressi.

Lo sport

Dal primo di giugno, in zona gialla saranno aperte al pubblico le manifestazioni e gli eventi sportivi di livello agonistico, riconosciuti di interesse nazionale. La capienza sarà sempre regolamentata: pari al 25% di quella massima autorizzata, e comunque non superiore ai 1000 spettatori per gli impianti all’aperto e ai 500 per quelli al chiuso. Dal primo di giugno si potrà anche svolgere attività di squadra al chiuso. Per le palestre, udite udite, via libera dal primo giugno, sempre in conformità ai protocolli e alle linee guida adottati dalla Conferenza delle Regioni, sulla base dei criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico.

Ogni Regione e ogni Comune avrà comunque la libertà di limitare ulteriormente il nuovo decreto, in base ai dati del contagio. Insomma, la notizia non è ufficiale ancora, ma noi ci prepariamo. E’ certo, infatti, che a breve anche nella nostra città (e sull’isola) si respirerà un’aria nuova. Forse simile a quella del passato pre-covid, noi ci speriamo!

Presto Catania sarà zona gialla, ecco cosa potrebbe cambiare ultima modifica: 2021-05-12T14:41:31+02:00 da Manuela de Quarto

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x