I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

TRADIZIONI

Santa Lucia e il legame con la città di Catania

Santa Lucia Catania, quadro

Santa Lucia e Catania.
«Memoria di santa Lucia, vergine e martire, che custodì, finché visse, la lampada accesa per andare incontro allo Sposo e, a Siracusa in Sicilia condotta alla morte per Cristo, meritò di accedere con lui alle nozze del cielo e di possedere la luce che non conosce tramonto.» Martirologio Romano.

Un legame antico, una storia che unisce la Patrona siracusana a quella catanese. Lucia e Agata, le due sorelle maggiori, donne e martiri. Simboli ed emblema di sacrificio e di ideali.

Santa Lucia e Catania

L’agiografia di Lucia narra di una giovane siracusana, nata alla fine del III secolo e appartenente a una nobile famiglia. Orfana di padre dall’età di cinque anni, venne cresciuta dalla madre Eutychia secondo la fede cristiana. Lucia fu promessa in sposa a un pagano seppur con segreto voto di verginità. Nel frattempo la madre si ammalò e a nulla valsero le costose cure a cui si sottoponeva. La giovane, preoccupata per la sua salute, decise di accompagnare la madre in pellegrinaggio a Catania da Sant’Agata.

Lucia
Di Pieter Paul Rubens – Musée des beaux-arts de Quimper, 29 giugno 2016, 17:22:16, Pubblico dominio

Lucia, giunta nel capoluogo etneo, si assopì in preghiera davanti la tomba di Agata e in sogno vide e udì la santa catanese che le diceva: “Lucia sorella mia, vergine consacrata a Dio, perché chiedi a me ciò che tu stessa puoi concedere? Infatti la tua fede ha giovato a tua madre ed ecco che è divenuta sana. E come per me è beneficata la città di Catania, così per te sarà onorata la città di Siracusa”. La madre, dopo il sogno della figlia, guarì miracolosamente. Le due donne tornarono a Siracusa e Lucia finalmente si confidò, esternò la decisione di consacrarsi a Cristo e chiese di potersi liberare dal fardello del matrimonio.

La persecuzione e il martirio

Il promesso sposo, però, non accettò il rifiuto e la denunciò come cristiana. All’epoca, infatti, i decreti della persecuzione dei cristiani emanati da Diocleziano erano ancora in vigore. Durante il processo con il prefetto Pascasio non abiurò mai la sua fede neanche quando fu minacciata di essere condotta in un postribolo. Mise in difficoltà il suo accusatore e pronunciò parole forti e decise come “Il corpo si contamina solo se l’anima acconsente“. Pascasio ordinò di trascinarla con la forza, ma come racconta la tradizione, Lucia divenne incredibilmente pesante. Nessuno riuscì a spostarla, né dieci uomini né i carri trainati dai buoi. Fu cosparsa di olio, torturata col fuoco, ma nessuna fiammella sembrava lambirla.

The Martyrdom And Last Communion Of Saint Lucy 1582 Veronese
Di Paolo Veronese – Web Gallery of Art:   Immagine  Info about artwork, Pubblico dominio

Le cavarono gli occhi (questo episodio non è menzionato fino al XV secolo). Le raffigurazioni con gli occhi sul piatto e lo sguardo al cielo si ricollega alla devozione popolare che la invoca come protettrice della vista per l’etimologia latina del suo nome, Lux, luce. Morì per decapitazione o secondo le fonti latine con un pugnale in gola non prima però di aver ricevuto la Comunione e profetizzato la caduta di Diocleziano.

Info e curiosità in pillole

A Santa Lucia si attribuisce la fine della carestia nel 1646. La festa liturgica ricorre il 13 dicembre, data della sua morte.
In Sicilia si festeggia a Siracusa, in alcuni paesi della provincia messinese, ad Aci Catena, a Belpasso e anche a Palermo.
Il 18 gennaio 2020 la Deputazione della Cappella di Santa Lucia ha donato un frammento di un osso della Vergine e Martire siracusana al parroco della Basilica Cattedrale di Catania, mons. Barbaro Scionti e custodito nel sacello di Sant’Agata.
Nella tradizione il giorno di Santa Lucia è considerato il più corto dell’anno.
Diverse, infine, le ricette per il giorno di Santa Lucia, ma tra tutte spicca la cuccìa.

Santa Lucia e il legame con la città di Catania ultima modifica: 2020-12-13T09:00:00+01:00 da Cristina Gatto
Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

To Top