NOI CATANESI

Scuole di Catania: un breve viaggio tra quelle più conosciute e illustri!

Presentazione Standard1

In questo inizio di aprile, decisamente nordico, noi di #itCatania abbiamo pensato di tuffarci in un viaggio che, siamo sicuri, coinvolgerà moltissimi di voi: le scuole di Catania.

Sicuramente le scuole di Catania, per la maggior parte, hanno un background storico di alto livello. La nostra città vive fin da subito l’esplosione culturale della metà del ‘700 con la rivoluzione industriale e, successivamente, la nascita di una corrente di pensiero che vede la cultura al centro di tutto: vale a dire l’illuminismo. Catania, non raggiungendo mai i livelli delle grandi città europee, sembra comunque non fare eccezione e stabilisce in questo periodo la nascita delle prime scuole, o collegi, per i suoi giovani cittadini.

Il Convitto Cutelli: l’arte al servizio dell’istruzione

Per iniziare questo itinerario non possiamo che ricordare quello tra i più antichi Istituti Scolastici della città: il Convitto Cutelli. Realizzato intorno al 1760, costituisce un vero e proprio gioiello architettonico. Costruito da Giovan Battista Vaccarini e da Francesco Battiaglia, questa scuola di Catania sorge in via Vittorio Emanuele II, n. 56. Voluto fortemente dal giurista Mario Cutelli, che aveva destinato parte della sua ricchezza alla fondazione di un Collegio di uomini nobili.

Simbolo artistico di una Catania che si rialza dopo il terribile terremoto del 1693, questo edificio rappresenta a pieno lo stile settecentesco. Quanti di noi catanesi, varcando ogni giorno quelle mura, hanno potuto ammirare l’orologio da torre, situato tra le statue del Tempo e della Fama. Con l’iscrizione in latino che recita: “Ut praeesset diei et nocti”. Questo orologio, infatti, fu costruito “affinché presiedesse al giorno e alla notte”. Un luogo che è stato spesso location di film e fiction.

scuola di Catania: Convitto Cutelli

L’orologio della Torre del Convitto Cutelli, che segna le ore tra le statue del Tempo e della Fama

Questa scuola di Catania è stata anche menzionata dal censimento del FAI 2018. Infatti, l’anno scorso è stato indetto un progetto dal nome “Luoghi del cuore”, per la riqualificazione degli edifici italiani più prestigiosi, ma, ahinoi, lasciati troppo all’incuria del tempo. Il sostegno del FAI è stato previsto per la Corte Circolare e l’Aula Magna, ricca di affreschi che ritraggono gli uomini siciliani più illustri di tutti i tempi. Una scuola che oggi vanta un Liceo Classico Europeo ed una formula a semiconvitto. Chi ha studiato qui dentro  può dire, ad alta voce, di aver vissuto dentro una vera e propria opera d’arte.

Scuole di Catania che lasciano un segno: il Turrisi Colonna

Un’altra delle scuole di Catania che ha fatto la storia della città è sicuramente il Liceo Turrisi Colonna. Nel 1861, viene istituito con il nome di “Regia Scuola Normale Femminile” di Catania, ubicata in Via del Corso, e frequentata da 19 allieve, che ben presto, però, divennero 56. Solo nel Gennaio 1891, la “Regia Scuola Normale Femminile” prende il nome della poetessa palermitana Giuseppina Turrisi Colonna. Una scelta che rende chiara l’indole di questa scuola. Infatti, la poetessa palermitana è stata una “pioniera” del femminismo. Ella scrisse anche nel 1843 un’ode “Alle donne Siciliane”, per spronarle a risollevare le sorti della Patria, che lei sognava già unita.

Un Istituto antico che ha visto insegnare fra le sue mura ( mura spesso diverse, infatti la scuola ha avuto molte sedi) professori illustri come Federico De Roberto, Vitaliano Brancati, Benedetto Scalirò, Iolanda Crimi, Arturo Mannino, Maria Paternò Castello, e molti altri. E altrettanto illustri furono alcuni studenti, come Lilia Carbonaro, Giovanna Sipione e Angela Giuffrida. Al Turrisi Colonna andava tutta la città: dalla figlia dell’impiegato, del muratore, a quella dell’avvocato e del nobile proprietario terriero. Oggi la sede del Turrisi Colonna è in via F. Filzi, 24. La scuola è ora aperta, ovviamente, a studentesse e studenti. Gli indirizzi scolastici sono diversi: Liceo Delle Scienze Umane, Liceo Economico Sociale, Liceo Linguistico, Liceo Musicale. I catanesi che sono andati in questa scuola, insomma, hanno tutte le carte in regola per diventare famosi.

Il De Felice, une delle scuole di Catania più conosciute 

Ecco ora una delle scuole di Catania che tutti conoscono: il De Felice. L’Istituto De Felice è uno dei palazzi storici di Catania, situato in piazza Roma, proprio di fronte ad uno degli ingressi della Villa Bellini. Il palazzo è la sede dell’Istituto tecnico commerciale De Felice, fondato nel 1919 per volontà di Giuseppe De Felice Giuffrida. Una scuola che, per un motivo o per un altro, ha incrociato gli sguardi di tutta Catania. Infatti, chi di noi, almeno una volta, non è passato da lì e ha alzato lo sguardo verso questo palazzone? Inoltre, risulta tra le scuole di Catania più frequentate nel tempo.

De felice e le scuole di Catania

Tra le scuole di Catania la più conosciuta rimane il De Felice, situata in un luogo di transito della città.

Una struttura imponente e dallo stile classico. La piazza di fronte, con la statua de “u re a cavaddu“, rappresenta un ritrovo di studenti da generazioni. Tutti, almeno una volta siamo andati lì, magari durante un corteo, a prendere un seltz, oppure un frappè di nutella, al chioschetto in piazza. Studenti del De Felice o no, questa scuola è nei ricordi di quasi tutti noi!

Attenzione: Cutelliani e Spedalieroti sull’attenti!

Sono solo due, però, le scuole di Catania che determinano con il loro semplice nome la città: il Liceo Classico Mario Cutelli e il Liceo Classico Nicola Spedalieri. Un’eterna, ma mai esasperata, lotta tra questi due licei classici li ha resi noti in tutta Catania e provincia. Gli studenti che varcano questi due istituti si ritroveranno per tutta la vita a fronteggiarsi, sempre bonariamente, a colpi di “noi cutelliani” e “noi spedalieroti”. Del Liceo Cutelli abbiamo già ampiamente parlato.

Se vi va, rinfrescatevi la memoria cliccando qui.

Forse, però, non sapevate che Il Liceo Nicola Spedalieri venne inaugurato nel dicembre del 1861 e che, quindi, ha ben 158 anni. Anche lo Spedalieri vanta insegnanti illustri come il poeta Mario Rapisardi, il filologo Girolamo Vitelli, il traduttore Ettore Zoccoli e il latinista Francesco Guglielmino. Insomma, cutelliani e spedalieroti avete fatto, e fate, la storia di Catania, e solo per questo dovreste sentirvi di avere una marcia in più.

Il Liceo al centro della Città: il Boggio Lera

Infine, tra le scuole di Catania più celebri citiamo il Liceo Scientifico E. Boggio Lera. Esso si trova nel cuore della Catania antica, nella sede del Monastero Benedettino della SS. Trinità, in via Vittorio Emanuele, 346.
Uno splendido palazzo, dove il genio dell’architetto Vaccarini ha lasciato anche la sua traccia. Chi va al Boggio Lera è uno studente che vive la città di Catania al 100%. Quest’anno la scuola ha avuto un boom di iscrizioni e inizia a diventare altamente competitiva anche tra i licei scientifici più giovani del catanese. Come, ad esempio, il baby Galileo Galilei che nasce solo nel 1972, ma che ottiene fin da subito il plebiscito delle iscrizioni, confermandosi, per anni, tra i migliori licei scientifici della provincia.

E voi che scuola avete frequentato?

Raccontateci quelli che per molti sono gli anni migliori, quelli del liceo. Quelli in cui la sveglia suona sempre alla stessa ora e la vita è ancora lì, tutta davanti a noi.

Manuela de Quarto

Autore: Manuela de Quarto

Sono nata a Catania, in Sicilia. Ho scoperto che amavo leggere quasi subito. Leggevo di tutto, rubavo i libri alle mie sorelle più grandi o li prendevo in prestito da parenti e amici. Leggevo libri e mangiavo limoni, entrambe le cose mi stavano portando dritto alla morte, sarà il destino delle grandi passioni!
E poi un giorno, avrò avuto circa dieci anni, ho scritto la mia prima storia: da lì non ho più smesso, né di scrivere né, ovviamente, di leggere e mangiare limoni.

Scuole di Catania: un breve viaggio tra quelle più conosciute e illustri! ultima modifica: 2019-04-05T12:28:43+02:00 da Manuela de Quarto

Commenti

To Top