I CATANESI RACCONTANO CATANIA

itCatania

ASSOCIAZIONI ONLUS

COPE: solidarietà e cooperazione internazionale a Catania

COPE, realtà di solidarietà internazionale a Catania

Materiale del COPE con il logo
Fonte Internet

COPE è un’organizzazione non governativa sempre dinamica e tesa a dare un contributo rilevante per la giustizia sociale a livello internazionale. Va avanti da decenni grazie al suo staff. Si tratta cioè di persone che continuano a credere che per i soggetti più svantaggiati ci possa essere una vita migliore.
Il COPE è una realtà di solidarietà catanese che vale davvero la pena scoprire e osservare da vicino.

Storia ed evoluzione del COPE come realtà di solidarietà

Il COPE (Cooperazione Paesi Emergenti) nasce nel 1983 grazie alla volontà di un gruppo di giovani che ne furono i fondatori. L’anno seguente il COPE è divenuto membro della FOCSIV (Federazione degli Organi Cristiani Servizio Internazionale Volontario). Nel 1988 è ritenuto idoneo dal Ministero degli Esteri a svolgere attività di cooperazione internazionale. Nel corso degli anni il COPE ha affinato sempre più la sua formazione verso i volontari e verso la sua stessa organizzazione, seguendo corsi del FOCSIV.

Il primo progetto portato avanti dall’organizzazione è stato “Migoli-Iringa-Tanzania” nel 1988. Dopo qualche anno, nel 1993, si è attuato un secondo progetto in Guinea Equatoriale. Negli anni successivi il COPE riesce a fissare delle sedi in alcuni paesi, quali Tanzania, Guinea-Bissau, Madagascar.

Il COPE in un progetto in Tanzania
Progetto di istruzione in Tanzania

Inoltre il COPE ha instaurato collaborazioni con l’Ong Akad della Tunisia, per micro-realizzazioni. Un’altra collaborazione è con l’associazione Yachai Wasi in Perù, a sostegno di periferie degradate. Un salto di qualità per l’organizzazione avvenne nel 2003, con la scrittura sulla rivista “Volontari per lo Sviluppo” di contenuto sul Sud del mondo. Dal 2014 il COPE Catania porta avanti iniziative per i/le migranti, nello stesso anno viene inaugurata una sede a San Michele di Ganzaria.

Progetti internazionali di solidarietà del COPE conclusi e in attuazione

Il COPE ha manifestato nel corso degli anni la sua vocazione alla cooperazione internazionale attraverso molti progetti. Essi sono sempre stati volti a dare anzitutto dignità a persone in situazioni di estrema difficoltà. In seguito sono riportati i progetti internazionali come garanti dei diritti umani. Sostegno al Centro Nutrizionale di Bula, per garantire un’adeguata alimentazione a bambini e bambine. “Il Giardino delle Donne”: progetto volto ad incoraggiare in primo luogo l’autosufficienza alimentare, poi l’imprenditoria femminile in agricoltura e l’indipendenza socio-economica. Entrambi i progetti hanno avuto luce in Guinea Bissau.

Da ricordare pure il progetto agricolo-educativo nell’isola di Bioko (Guinea Equatoriale 1993-2005), cioè la formazione di agricoltori e allevatori. Poi c’è stato il progetto di istruzione e formazione a Benguela (Angola) rivolto a bambini/ e e adulti/e. Recentemente sono stati approvati progetti per la Cambogia e il Congo democratico. Attualmente invece è in corso un progetto contro la violenza su donne e minori, avviato nel 2013. è attivo pure un progetto a sostegno delle contadine del Sud-Est del Perù attraverso micro prestiti, in collaborazione con la Ong MIDE.

Bomboniere del COPE
Le bomboniere solidali del COPE per sostenere vari progetti

Progetti a livello comunitario e nazionale

COPE ha buoni rapporti pure con l’Unione Europea. Col programma Erasmus+ è stato portato avanti un progetto contro la violenza in rete. Un secondo progetto è volto a favorire la connivenza tra cittadini europei e migranti. Un altro ancora è teso per una validazione delle competenze trasversali. Il programma europeo “Europa per i cittadini” ha finanziato il progetto CivAct. Esso incentiva la consapevolezza politica di cittadini europei e migranti.

Da ricordare, in ultimo, i progetti portati avanti in Italia. Il COPE collabora con altre Ong sulla sensibilizzazione dell’opinione pubblica. In Sicilia si svolgono incontri con le scuole i cui principali argomenti sono le migrazioni, i cambiamenti climatici, il contrasto verso i discorsi d’odio (hate speech) . Altri progetti italiani sono l’Educazione alla cittadinanza globale, con diverse attività. Si va pure verso una pedagogia dell’Educazione allo sviluppo, cioè la consapevolezza su tutte le questioni globali.

Ulteriori attività: campagne, formazione e…tanto altro ancora

Dal 2008 il COPE Catania ha inglobato la SPICeS, una scuola che osserva la politica internazionale e la cooperazione allo sviluppo. L’Ong catanese ha portato avanti negli anni una serie di campagne caratteristiche. Tra queste è importante ricordare “Abbiamo riso per una cosa seria”. Si tratta della vendita di riso italiano il cui ricavato va nella lotta contro la malnutrizione a Nyololo (Tanzania), sostenendo pure un progetto locale. Vi sono pure le bomboniere solidali, con possibilità di sostenere altri progetti di solidarietà nel Sud del mondo.

Uno straordinario contesto che ruota tutto intorno al principio dell’uguaglianza delle opportunità. Se Catania porta avanti il valore della solidarietà è anche grazie alla realtà del COPE!

COPE: solidarietà e cooperazione internazionale a Catania ultima modifica: 2020-11-30T09:29:05+01:00 da Angela Strano
Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Login

Lascia un commento

To Top