STORIE

Manuela Cavallaro, ricercatrice dei Laboratori Nazionali del Sud dell’Infn

La ricercatrice acese Manuela Cavallaro

Manuela Cavallaro, originaria di Acireale, è una ricercatrice dei Laboratori Nazionali del Sud (LNS) dell’INFN di Catania, polo d’eccellenza per lo sviluppo di tecnologie e strumentazione in tutto il mondo. Lo scorso 2016 ha ricevuto dall’European Research Council, l’Erc Starting Grant per una ricerca di fisica nucleare e precisamente per lo sviluppo del progetto denominato NURE (Nuclear Reactions for Neutrinoless Double Beta Decay).

Il premio ha valore di 1 milione e mezzo di euro che la dottoressa Cavallaro afferma di voler spendere nella nostra terra, in ulteriori ricerche. Lo studio della giovane ricercatrice è stato approvato con un finanziamento di 1,271 milioni di euro.

Il progetto NURE (Nuclear Reactions for Neutrinoless Double Beta Decay) di Manuela Cavallaro

Il NURE studia le reazioni nucleari di doppio scambio di carica e del doppio decadimento beta, senza neutrini. Il due processi, seppur con matrici diverse, hanno numerosi aspetti comuni; si tratta di un fenomeno naturale, talmente raro, finora mai stato osservato. La ricerca studia la natura del neutrino. Quest’ultimo era già stato analizzato da Ettore Majorana, per cui il neutrino è anche l’antineurino e questa ipotesi è difficile da verificare perché è una particella sfuggente.

Il progetto sarà sviluppato in cinque anni assieme ad un team di ricercatori dai laboratori nazionali del Sud (Lns).

Manuela Cavallaro e la scelta di rimanere in Sicilia

Manuela  ha deciso di andare controcorrente rispetto alla “fuga dei cervelli”.
“In Sicilia- dice- si sta potendo fare qualcosa che in altri posti del mondo non è stato possibile mettere in pratica. Negli anni ho viaggiato tanto, tra Stati Uniti e Giappone, ma la mia base è, e voglio che resti, la Sicilia.
Mi è capitato di ricevere proposte di lavoro dall’estero ma ho deciso di rimanere qui perché ho trovato l’ambiente giusto per le mie idee. La formazione italiana è di alto livello, consente di competere a livello internazionale e di ottenere risultati invidiati in tutto il mondo”.

Manuela Cavallaro ha ricevuto nel 2017 il premio Donna Siciliana, per la sua importante attività di ricercatrice di fisica nucleare fedele alla sua terra

Manuela Cavallaro ha ricevuto nel 2017 il premio Donna Siciliana, per la sua importante attività di ricercatrice di fisica nucleare fedele alla sua terra.

L’esempio di Manuela vuole essere uno sprone per tutti i giovani studenti, laureati e ricercatori ad impegnarsi e dare il meglio di sé.

Nello scorso 2017, per la sua attività di ricercatrice di fisica nucleare fedele alla sua terra, Manuela ha ricevuto, fra gli altri, il Premio Donna Siciliana.

Sabrina Port

Autore: Sabrina Port

Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, con il sogno del giornalismo, scrive da alcuni anni su testate locali, cercando di valorizzare quanto di più bello c’è nella nostra Sicilia e a Catania.

Manuela Cavallaro, ricercatrice dei Laboratori Nazionali del Sud dell’Infn ultima modifica: 2018-03-01T11:19:33+00:00 da Sabrina Port

Commenti

To Top