SPORT

Ginnastica ritmica a Catania: ce la racconta Simona Bevilacqua

Simona Bevilacqua e la sua squadra di ginnastica ritmica a Catania
20273,20176

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

La ginnastica ritmica a Catania ha molti volti e molte anime: oggi ne scopriremo uno quello di Simona Bevilacqua.

Nessuno di noi, soprattutto i più vecchietti e appassionati di manga giapponesi, può dimenticare il mitico cartone animato Hilary. Una giovinetta dai capelli castani, che come unico sogno aveva quello della ginnastica ritmica. Qui a Catania possiamo vantare un ampio panorama di scuole di ginnastica ritmica che, al loro interno, fanno crescere vivai di giovanissime atlete. Una piccola Hilary ce l’abbiamo anche qui, o meglio una Hilary un pò più cresciuta, che ha smesso di essere ginnasta, ma non ho abbandonato la ritmica. Perché si sa i grandi amori non si abbandonano mai.

Chi è Simona Bevilacqua?

Simona Bevilacqua, classe ’91, capelli lisci lisci e neri. Sguardo solare e voce smaliziata. Questa giovane donna ha praticato ginnastica ritmica a Catania da quando aveva sei anni. Simona si è avvicinata alla ginnastica ritmica quasi per gioco, ma ben presto ha capito che sarebbe diventata la sua ragione di vita. Dopo aver iniziato a praticare questo sport da piccolina, ha poi passato dieci anni di attività agonistica ai livelli più alti.

<<Avevo visto un saggio di mia cugina, che faceva ginnastica ritmica a Catania. Lì ho capito che volevo fare proprio quello. Un amore a prima vista!>> E così è stato!

Ginnastica ritmica a catania la storia di un'atleta ora insegnante

Ginnastica ritmica a Catania: la storia di Simona Bevilacqua

Simona parla della ginnastica ritmica come si fa con quelle cose per cui non solo nutri amore, ma anche profondo rispetto e devozione. I pomeriggi in palestra a provare e riprovare e le nottate di studio a casa. Scuola e palestra, palestra e scuola. I sacrifici continui e le lotte contro i propri limiti. <<Perché la ginnastica ritmica è anche questo: spingerti ogni giorno un po’ oltre. E, quindi, migliorarsi. Capire che la vittoria è nel cuore di chi lotta.>>

Da atleta ad insegnante: la ginnastica ritmica sempre al centro

Dopo aver concluso la sua carriera come atleta, con importanti risultati anche Nazionali, Simona ha deciso di intraprendere la strada dell’insegnamento: <<La passione per questo sport e la voglia di trasmettere alle generazioni future mi ha portato dall’altra parte della barricata, dove si insegna e si giudicano le atlete. Oggi, infatti, sono istruttrice federale e giudice nazionale FGI.>> Certo, Simona Bevilacqua non ha dimenticato lo studio, a breve si laureerà in psicologia. Ora la sua vita è università e palestra, palestra e università: <<In fondo, è solo una questione di prospettive!>>

Perché fare proprio ginnastica ritmica?

La ginnastica ritmica a Catania ha vantato, e vanta, molte atlete. E molte di queste sono arrivate ai Campionati Italiani, vincendo anche parecchie medaglie. Questo rende la nostra città un buon inizio per le giovani leve. <<Alle atlete e bambine, che si avvicinano a questo sport, dico sempre che ci vorrà costanza e sacrificio. È uno sport che può essere considerato privativo e molto duro, ma in fondo credo che ogni cosa fatta bene preveda una dose elevata di caparbietà e resistenza. Si diventa, pian piano, tutti adulti eccellenti, disciplinati, rispettosi nei confronti delle regole e del prossimo. E al giorno d’oggi queste qualità sono molto rare…>> Ai genitori, invece, Simona Bevilacqua consiglia di rivolgersi a scuole il più vicino possibile a casa, perché si passeranno molte ore lì dentro, fidatevi. E, soprattutto, cercare scuole affiliate alla FGI e con istruttori qualificati e certificati. Saranno sacrifici anche per la famiglia, ma verranno ripagati tutti nel momento in cui si vedranno i risultati.

Ginnastica ritmica a Catania riflessioni di simona

Simona oggi allena in una società di ginnastica ritmica a Catania: l’a.s.d Fenix

La ginnastica ritmica a Catania: riflessioni e speranze

Quando chiediamo a questa giovane professionista e sognatrice di parlarci della ginnastica ritmica a Catania gli occhi le si illuminano: <<Nei decenni passati Catania ha avuto atlete di livello internazionale. Credo che questo sport sia cresciuto veramente tanto qui: una città dove si possono davvero trovare le competenze necessarie per iniziare il percorso intenso, seppur breve, di una ginnasta. Tutto questo mi fa ben sperare!>> Continua, però, con una leggera nota dolente: << Certo, la città dovrebbe mettere a disposizione delle società, che operano a livello agonistico, più impianti e, sicuramente, meglio strutturati. Ma questo, ahimè, è una pecca che coinvolge un po’ tutti gli sport, e tutte le società sportive, qui a Catania.>>

Ci domandiamo se sono tante le richieste qui a Catania per questo sport: << Per essere considerato uno sport minore, c’è una grande richiesta e molta partecipazione, anche di pubblico esterno alle atlete. Ci sono parecchie palestre federate, questo è ottimo per Catania. Io, da un anno, alleno in una di queste società: l’ a.s.d. Fenix.>>

Quando la tua passione, il tuo sogno, diventa tutta la tua vita..

Poi, Simona, con gli occhi lucidi, ci dice che per lei la ginnastica ritmica è stata, ed è, tutto. <<È la mia vita!>> Una donna forte, una professionista esperta ed un’inguaribile sognatrice. Tutte doti che non solo fanno risplendere la disciplina della ginnastica ritmica a Catania, ma che ci restituiscono immagini di giovani che lottano, nonostante le difficoltà di oggi. Lottano per dare alla nostra città e ai nostri cittadini, o piccoli cittadini, il meglio. Senza falsa retorica, tutto ciò ci commuove.

La immaginiamo tra lezioni di psicologia, ore interminabili in palestra e lunghe passeggiate, pensare al prossimo esercizio, saggio o allenamento. La nostra piccola, ma grande, Hilary, che non ha smesso di sognare e di amare la ginnastica ritmica. Che ogni giorno si impegna per far grande il nome di piccole catanesi, per portare avanti anche i loro di sogni.

Perché per noi di it.Catania, ogni storia, piccola o grande che sia, può essere un tesoro.

<<Alcune volte mentre cammino, ed io cammino tanto, ascolto musica. E allora mi vengono in mente possibili scelte per brani musicali o per esercizi da far fare alle bimbe il giorno dopo in palestra. Perché io, lo so, sono fortunata: ho fatto della mia passione più grande il mio lavoro, la mia vita.>>

“Non c’è mai sconfitta, nel cuore di chi lotta”

E.M.

Manuela de Quarto

Autore: Manuela de Quarto

Sono nata a Catania, in Sicilia. Ho scoperto che amavo leggere quasi subito. Leggevo di tutto, rubavo i libri alle mie sorelle più grandi o li prendevo in prestito da parenti e amici. Leggevo libri e mangiavo limoni, entrambe le cose mi stavano portando dritto alla morte, sarà il destino delle grandi passioni!
E poi un giorno, avrò avuto circa dieci anni, ho scritto la mia prima storia: da lì non ho più smesso, né di scrivere né, ovviamente, di leggere e mangiare limoni.

Ginnastica ritmica a Catania: ce la racconta Simona Bevilacqua ultima modifica: 2019-01-18T10:09:01+00:00 da Manuela de Quarto

Commenti

To Top