INTERVISTE

Ursino Buskers 2017: conosciamo l’artista Marzia Ciulla

Spettacoli teatrali, circo di strada, workshop e tanto altro alla nuova edizione dell'Ursino Buskers al Castello Ursino

Mancano solo poche ore all’inizio dell’Ursino Buskers 2017, il festival internazionale degli artisti di strada che si tiene ogni anno nella piazza del Castello Ursino. Dal 15 al 17 settembre sarà possibile ammirare ed essere travolti dalla bellezza e della passione degli artisti presenti. Spettacoli acrobatici e circensi, workshop, coreografie di danza, commedie teatrali, si alterneranno per regalarci delle giornate all’insegna del divertimento.

In attesa che l’evento inizi, ho avuto l’occasione di conoscere una delle artiste che saranno presenti all’Ursino Buskers. Marzia Ciulla è un nome noto a Catania: i suoi spettacoli ci hanno fatto ridere, facendoci conoscere i lazzi, gli intrallazzi pieni di storia e di ironia. Quest’anno, però, Marzia ci delizierà con una grande novità. In occasione della quarta edizione del Festival, l’attrice, regista e trainer porterà in scena il Teatro dell’Assurdo accompagnata da giovani allievi pronti ad indossare i panni dei personaggi di Karl Valentin.

Marzia Ciulla accompagnata dai suoi allievi in uno dei suoi spettacoli. Photographer: Alessia Glen

Intervista a Marzia Ciulla: l’artigiana dell’arte teatrale

Come si definisce a livello artistico? Chi è Marzia Ciulla?

Che domanda difficile! Provo a fare tutti i giorni quello che mi fa star bene, ovviamente non sempre ci riesco, lotto contro i miei demoni come tutti e attraverso il teatro reinvento la mia quotidianità.

Potrei definirmi un artigiana, forse. Il lavoro manuale mi ha sempre accompagnata quale attitudine naturale, ed in alcune fasi del mio percorso anche per mestiere. La mia tendenza è quella di trasformare le cose secondo una visione ed un gusto personale. Certo, creare oggetti è molto più semplice che creare spettacoli perché gli oggetti si lasciano plasmare senza alcuna opposizione, mentre quando si ha a che fare con le persone la cosa, ma è anche questo il bello, cambia completamente. In questo caso entrano in gioco i sentimenti, e quando si parla di “cuore” bisogna sempre andarci molto piano, ma allo stesso tempo lo spazio creativo si apre e si estende verso l’immenso.

Ho affrontato diversi aspetti dell’arte teatrale e tutti mi hanno sempre riportata a ciò che fin dall’inizio del mio percorso ha catturato la mia attenzione: la Commedia dell’Arte. La rivisitazione dei caratteri tipici di una società; le gerarchie così ferree nella struttura ma così democratiche nella messa in scena; la forza che nasce dall’opposizione dei personaggi; la comicità; l’onestà delle maschere dietro cui è impossibile nascondersi; la consapevolezza del corpo; tutto questo e molto altro ancora è ciò che rende la Commedia dell’Arte uguale a nient’altro. La incontri sul tuo percorso professionale e te ne innamori, almeno per me è stato amore, quello vero.

Karl Valentin all’Ursino Buskers 2017

Cosa porterà in scena all’evento Ursino Buskers 2017 a Catania?

Quest’anno, con alcuni ragazzi dei laboratori precedenti, ho deciso di sperimentarmi su Karl Valentin. Questo fu un eccentrico attore comico d’innovazione. Nei primi del ‘900 fu un esponente di spicco del cabaret tedesco. I suoi sketch comici divennero punti di riferimento per diversi artisti: Bertolt Brecht per citarne uno su tutti. Mi affascina moltissimo il suo modo di raccontare storie di gente comune, poveri diavoli alle prese con l’ordinato scompiglio della società, che riescono a diventare uomini e donne liberi attraverso la logica rovesciata del clown.

Marzia Ciulla accompagnata dai suoi allievi in uno dei suoi spettacoli. Photographer: Alessia Glen

Marzia Ciulla accompagnata dai suoi allievi in uno dei suoi spettacoli. Photographer: Alessia Glen

L’esperienza catanese con gli spettacoli passati

Ci racconti l’esperienza con gli spettacoli passati: “Gammazita In Love”, “Mundus Rota Est”, “Catanisi Soddi Fausi” e “Occhio a Li Turchi”.

Bella! In questi quattro anni, grazie anche alla collaborazione con l’Associazione culturale Gammazita che sostiene il progetto fin da quando è nato proponendo un laboratorio annuale, abbiamo voluto rivisitare alcune storie che appartengono alla cultura popolare siciliana, ma soprattutto al quartiere che viviamo quotidianamente, utilizzando il linguaggio della Commedia dell’Arte.

La prima grande ribellione del popolo siciliano che vede il suo riconoscimento storico nei “vespri” attraverso la leggenda tutta catanese della bella Gammazita con lo spettacolo “Gammazita in love”. La regina Bianca di Navarra, che ebbe non poca influenza come regnante e che con l’aiuto della fidata serva Jana di Motta riuscì a non sottomettersi alle angherie del Conte di Cabrera in “Mundus Rota Est”. L’avventurosa storia di Paolo Ciulla, il falsario di Caltagirone, che frodando lo Stato regalava denaro al popolo in “Catanisi Soddi Fausi”. Per concludere la storia del corsaro calabrese convertito all’Islam, Uccialì, con la sua nave carica anche di tutte le nostre più attuali paure, nell’ultima Commedia andata in scena nel Fossato del Castello Ursino, ed intitolata “Occhio a Li Turchi”.

Cosa si aspetta di trovare in questo nuovo evento firmato Ursino Buskers?

La magia che ogni anno riesce a regalare questo festival! Ursino Buskers è come un grande carillon pieno di luci e colori, dove artisti provenienti da tutto il modo incantano con le loro performance anche il più scettico dei fruitori. È un contenitore di energia, forza e desiderio di trasformazione. Attraverso l’arte si ha la possibilità di uscire fuori da se, si può reinventare un luogo e si può donare tantissimo. Ursino Buskers è un festival rivoluzionario perché parte dal basso e si costruisce giorno dopo giorno, tutto l’anno, attraverso l’impegno e la volontà di semplici cittadini che credono fortemente nel potere del cambiamento. Sono contenta di poter contribuire a tutto questo.

La rivedremo l’anno prossimo?

E chi lo sa. Di sicuro ci vediamo quest’anno il 15/16/17 settembre nel quartiere del Castello Ursino!

Valentina Friscia

Autore: Valentina Friscia

Chi sono io? Un’amante della vita, della lettura, degli animali e della propria città. La versatilità è una delle mie virtù, così come l’enorme pazienza nei confronti del genere umano. L’amore per i libri e per la scrittura mi ha permesso di accedere ad un mondo fino a poco tempo fa sconosciuto: l’arte del giornalismo con tutte le sue sfaccettature.

Ursino Buskers 2017: conosciamo l’artista Marzia Ciulla ultima modifica: 2017-09-12T18:08:07+00:00 da Valentina Friscia

Commenti

To Top