EVENTI

Catania Capitale Italiana della Cultura 2021, un sogno possibile!

Catania capitale italiana della Cultura 2021

Catania Capitale Italiana della Cultura 2021: una ragazza per i vicoli della città ad apprezzare le sue bellezze- foti da pixabay

All’alba di questo nuovo anno ci siamo svegliati con una notizia che riguarda proprio la nostra bella città: Catania Capitale Italiana della Cultura 2021 potrebbe non essere un sogno. No, non stiamo scherzando! Catania è tra le 44 città candidate a Capitale Italiana della Cultura 2021.

Certo, la notizia riguarda in generale tutta la nostra bella isola triangolare. Infatti,  oltre alla nostra città, ci sono i comuni di Modica, Palma di Montechiaro, Scicli e Trapani a lottare per l’ambito titolo. Nel 2018 l’onorificenza culturale spettò al capoluogo della Sicilia, Palermo. Nulla vieta che fra un anno questo possa accadere anche a Catania. Già è in moto la macchina dei preparativi. 

I vantaggi di un titolo così prestigioso per Catania

Catania Capitale Italiana della Cultura 2021 sarebbe una bella vittoria per la città e non solo. Il titolo annuale porterebbe alla nostra città turismo, visibilità nazionale e mondiale ed eventi culturali continui. Catania si troverebbe in una forte posizione di prestigio. L’incantesimo culturale e storico, del resto, è sicuramente ampio e indiscutibile in questa città. Come non innamorarsi della genialità del popolo catanese, passato e presente, tra musicisti, compositori, scrittori, donne e uomini di teatro. In che modo non struggersi nel vedere la maestosità del tessuto monumentale di Catania. Come non stupirsi dell’intensa opera di modernizzazione della città, anche attraverso la cultura e i numerosissimi eventi culturali.

Ecco, perché il nuovo anno con questa ventata di bellezza ci pone davanti degli obiettivi importanti. Noi parliamo al plurale, perché la riuscita di questa selezione potrebbe davvero delineare una svolta per la nostra città e per tutti noi. Il raggiungimento di questa vittoria dovrebbe essere parte dei nostri buoni propositi per il nuovo anno: appuntiamoci tutti, come obiettivo, quello di raggiungere l’ambito riconoscimento per l’anno che verrà. Catania ha ancora molto da fare e la strada da percorrere è tanta. I presupposti, però, ci sono tutti. Ad esempio, la continua e capillare opera di coloro, che a noi piace chiamare “attivatori culturali”, infoltisce, ogni giorno, il tessuto culturale della città. 

Catania Captale Italiana della Cultura 2021:Un dettaglio della fontana monumentale dell'Amenano, un'esempio del patrimonio della città.
Catania Capitale Italiana della Cultura 2021: un dettaglio della fontana dell’Amenano- foto da pixabay

La Storia del riconoscimento di Capitale Italiana della Cultura

Andiamo, però, con ordine: qual è la storia di questo riconoscimento annuale? Il titolo di Capitale Italiana della Cultura nasce dalla volontà del ministro Franceschini nel 2014, con la legge Art Bonus. Questo titolo è stato conferito quest’anno, che è appena entrato, a Parma. Il titolo dura un anno e la città vincitrice ottiene un bonus di un milione di euro per la realizzazione del programma presentato.

Il programma, che in questo momento vede all’opera tutte le menti migliori della città, consiste in un vero e proprio dossier, che si deve presentare entro il prossimo 2 marzo. Una giuria, composta da sette esperti di fama indiscussa, giudicherà il progetto presentato dalle città candidate e decreterà 10 progetti finalisti entro il  30 aprile. Questi progetti poi verranno chiamati ad un’ulteriore selezione che vedrà il vincitore finale entro il 10 giugno prossimo. 

Catania Capitale Italiana della Cultura 2021: le parole dell’assessora Mirabella

Certo è che i tempi sono brevi, ma le speranze sono molte. Le città concorrenti hanno di che vantare in vetrina, ma siamo consci del fatto che anche Catania Capitale Italiana della Cultura riuscirebbe a conquistare i cuori più scettici. Ci affidiamo, dunque, agli esperti che stanno lavorando al progetto.

L’assessora alla Cultura di Catania Mirabella così, in un post sui social, scrive: <<Riteniamo di avere le carte in regola da ogni punto di vista, ma una candidatura non si improvvisa e presuppone una progettazione condivisa con gli operatori culturali cittadini, un budget realistico e fonti di finanziamento attendibili, che vanno verificati e confrontati…Catania merita programmazione e non improvvisazione>>

Catania Teatro Romano 04
Il teatro romano di Catania (fonte: wikipedia)

Tutti uniti verso il 2021: Catania Capitale Italiana della Cultura

Noi di #itCatania non possiamo non fare il tifo per la nostra bella città. Per noi Catania è già patria del barocco con le sue Chiese e i Monasteri; guida dell’occhio del verismo con Verga e Capuana; della natura varia e assoluta. Sede di musei di opere d’arte al chiuso e a cielo aperto. Catania per noi è già patria del vivere umile e del lusso più sofisticato, della gente comune e dei nobili distinti. Scena del cinema puro e crudo di Visconti e palco del teatro delle anime come Ferro e Lo Giudice. 

Catania Capitale Italiana della Cultura 2021, per noi è un sogno raggiungibile! Quest’anno è già iniziato alla grande…E voi, che ne pensate?

Manuela de Quarto

Autore: Manuela de Quarto

Sono nata a Catania, in Sicilia. Ho scoperto che amavo leggere quasi subito. Leggevo di tutto, rubavo i libri alle mie sorelle più grandi o li prendevo in prestito da parenti e amici. Leggevo libri e mangiavo limoni, entrambe le cose mi stavano portando dritto alla morte, sarà il destino delle grandi passioni! E poi un giorno, avrò avuto circa dieci anni, ho scritto la mia prima storia: da lì non ho più smesso, né di scrivere né, ovviamente, di leggere e mangiare limoni.
Catania Capitale Italiana della Cultura 2021, un sogno possibile! ultima modifica: 2020-01-09T10:28:13+01:00 da Manuela de Quarto

Commenti

To Top