LO SAPEVI CHE

Cerchi un posto fresco a Catania? Ce ne sono almeno tre!

posto fresco a catania

In estate Catania può assomigliare ad una fornace. Il caldo, tanto atteso nei mesi invernali, quando arriva diventa spesso motivo di lamentele. Le soluzioni più gettonate? Andare nei solarium cittadini e tuffarsi nel mare; immergersi nelle acque dell’isola Lachea di Aci Trezza o rimanere a mollo per ore in qualsiasi località balneare circostante. E se non ci si può spostare? Rimanere a casa e accendere l’aria condizionata. Uscire da casa e imbucarsi in negozi e locali che tengono l’aria condizionata accesa. Fare una decina di docce al giorno, per ritrovarsi poi con la cervicale dolorante perché accendere l’asciugacapelli in estate sembra pura follia. Ma se per qualunque motivo queste soluzioni non sono praticabili? Basta trovare un posto fresco, all’ombra, dove spiri una leggera brezza. Difficile trovare un posto così a Catania in estate? Risposta negativa (per fortuna!). Ci sono almeno tre luoghi freschi, che rimangono tali anche quando la massima tocca e supera i 30°.  Il primo posto fresco a Catania  è in pieno centro.

Terme Achilliane: un posto fresco a Catania centro

Per un qualsiasi motivo ti trovi in via Etnea. Magari è anche uno di quei giorni pieni di impegni e commissioni da sbrigare. Possibilmente gli unici mezzi a tua disposizione sono i piedi o i mezzi pubblici. Neanche a dirlo, si suda tanto già stando fermi, figuriamoci se stai trotterellando da una parte all’altra della città, in preda a mille cose da sbrigare. Cercare un posto fresco a Catania, in pieno centro e addirittura trovarlo potrebbe sembrare un’avvenimento più unico che raro. Aspetta, fermati un attimo. Dieci minuti di pausa te li puoi concedere e, fidati, dopo sarai pronto ad affrontare il caldo. Oltrepassando i cancelli dell’ingresso principale della bellissima Cattedrale di Sant’Agata, osserva bene alla tua destra. Vedrai un cancelletto che apre la strada a degli scalini inghiottiti dall’immensità della Cattedrale. È l’ingresso alle Terme Achilliane.

posto fresco a catania

Un posto fresco a Catania? Le Terme Achilliane. Un temperatura rigenerante e bellezze sotterranee da scoprire.

Si presume siano state costruite nel II secolo d.C. I catanesi dell’epoca sapevano come refrigerarsi, non c’è dubbio. Se ne avete, avete anche una ragione in più per visitare questo complesso termale. Della sua gloria, oggi è possibile ammirare solo una piccola parte. I terremoti del 1169 e del 1693 ne hanno occluso l’entrata a lungo. Se oggi possiamo godere di questo posto fresco a Catania, lo dobbiamo al principe di Biscari che lo riportò alla luce e ne fece realizzare l’ingresso. Le Terme Achilliane non sono sempre aperte al pubblico, ma un gruppo di volontari sta cercando di aumentare le occasioni per visitarle. Quando questo accade, fiondatevi dentro e avrete il vostro posto fresco a Catania. L’escursione termica sarà un toccasana e nel frattempo potrete ammirare gli stucchi del soffitto a crociere e conoscere un pezzetto della storia della città.

Giro in motorino tra gli orti del Cibali

Nella migliore delle ipotesi siete muniti di un motorino. Se non è questo il vostro caso, potreste sempre pensare di noleggiarlo o, anche meglio, chiederlo a qualche amico. Guidare in motorino in estate è sempre un’ottima soluzione per rinfrescarsi un po’. Quindi se siete in sella al vostro scooter e siete usciti con l’unica intenzione di rinfrescarvi, è proprio il caso di guidare verso la zona Cibali. A case e palazzi, si alternano orti e giardini rigogliosi. Il nome dell’area fa riferimento ad una “testa di fiume”, ossia alla sorgente del fiume Longane. Nelle sue vie si trova il suggestivo lavatoio, ancora in uso fino a qualche decennio fa. Insomma, tanti riferimenti all’acqua.

moto cibali luogo fresco a catania

Altro luogo fresco a Catania, magari in sella ad uno scooter? A Cibali e Nesima spira una sorprendente brezza fresca.

Ma, se siete in motorino e non sopportate più il caldo, c’è una cosa che è il caso di fare.  Non è esattamente un ” posto fresco a Catania” , è più un “percorso fresco”. Capiamo meglio di che si tratta: guidate tra le vie di Cibali, puntando verso San Giovanni Galermo ed ecco la magia. Un’inaspettata brezza di aria fresca vi avvolgerà, ristorandovi del tutto. La temperatura, anche qui, cambia completamente. Anche in estate, questa zona sembra avere un clima proprio, più temperato rispetto ad altre aree della città. Del resto, pare che le cose siano sempre andate così da queste parti. Come anche in alcune aree di un altro quartiere. Si tratta di Nesima, cui nome, di origine araba, significa proprio “brezza”, “aria fresca”, “alito di vento”. 

Timpa Leucatia: un posto fresco a Catania tra i palazzi della città

Soddisfa altre aspettative la Timpa Leucatia. Contenti gli avventurieri che amano la natura e a cui i pizzichi di moscerini e zanzare non fanno paura. La Timpa Leucatia è un altro dei luoghi freschi a Catania. Caratterizzano questo luogo la vegetazione lussureggiante e la conformazione ad imbuto tipica della Timpa: un lungo costone lavico dove si incontrano ruscelli, piccole cascate e laghetti. Corsi d’acqua che scorrono liberamente sul terreno e ospitano centinaia di specie vegetali. La Timpa entra di diritto nell’elenco dei luoghi freschi a Catania. In questo corridoio verde, tra i quartieri Barriera del Bosco e Canalicchio, la protezione dell’ombra è assicurata.

timpa di leucatia luogo fresco a catania

La Timpa di Leucatia, prima che essere un luogo fresco a Catania, è un patrimonio da proteggere per il suo valore storico, naturale e culturale.

Inoltre, camminare immersi nella vegetazione, accompagnati dal suono dell’acqua che scorre sotto i piedi, rigenererà anche i più sfiancati. Nel verde lussureggiante della Timpa molti animali hanno trovato un buon habitat: uccelli, piccoli crostacei d’acqua dolce, rettili e anfibi. Ma anche piccoli mammiferi, come la donnola e il coniglio selvatico, oltre che gli insetti. Tra questi, interessante la presenza di ben 96 diverse specie di api, due delle quali sono tipiche della Sicilia.  Sotto il profilo storico e urbanistico la storia della Timpa è legata, come molte altre aree di Catania, anche all’attività dei monaci benedettini. Infatti, l’ordine sfruttava le acque presenti in quest’area attraverso un acquedotto, oggi in disuso, ma di cui si possono osservare ancora alcuni tratti.

Chiara Emma

Autore: Chiara Emma

Curiosa di nascita, introspettiva per necessità. Cresco così vicina al cuore di un’isola, che da lì non riesco a vedere il mare. Il desiderio di respirarlo mi porta a vivere in varie città della costa siciliana. Mi muovo in treno ed in bicicletta per godermi meglio il viaggio. Mi trovate sotto le pensiline, al bancone di un pub o in quel sedile circondato da posti vuoti. Così, da perfetti sconosciuti, ci si può raccontare senza barriere.

Cerchi un posto fresco a Catania? Ce ne sono almeno tre! ultima modifica: 2017-06-27T10:07:05+00:00 da Chiara Emma

Commenti

To Top