EDIFICI STORICI

Villa Iole Pantò: la magnifica casa dell’attore Angelo Musco

La spettacolare Villa Iolè Panto, dimora prescelta dall'attore catanese Angelo Musco e altro emblema dello stile liberty del tempo.

La spettacolare Villa Iolè Panto, dimora prescelta dall'attore catanese Angelo Musco e altro emblema dello stile liberty del tempo.

Villa Iole Pantò si erge maestosa in quella che era una volta conosciuta come via Leucatia, una delle arterie principali della città di Catania, accanto al polmone verde rappresentato dal Parco Gioeni, nella zona settentrionale. Fu dimora dell’attore Angelo Musco (1871-1937), interprete prediletto da Luigi Pirandello e da Nino Martoglio. Musco rappresenta uno dei figli illustri della nostra città, apprezzato in tutto il mondo per la sua arte.

Villa Iole Pantò: opera dell’architetto Francesco Fichera

Villa Iole Pantò testimonia l’amore per il Liberty diffuso in molte parti della città. La villa è opera di Francesco Fichera (Catania 1881/1950), figlio dell’ingegnere Filadelfo Fichera, autore del Giardino Bellini, allievo e assistente di Ernesto Basile, che realizzò Villa Manganelli. Fichera conseguì la laurea in Ingegneria alla “Regia Scuola di Applicazione per ingegneri” di Roma nel 1904 e, due anni dopo, in Architettura presso l’”Accademia di Belle arti” di Palermo. Dal 1914 insegnò presso l’Università di Catania. Dal 1925 fu accademico di S. Luca. Autore in parte parte del Palazzo di Giustizia di Catania e dell’Ospizio per ciechi “Ardizzone Gioeni”. Nella sua architettura si coglie un uso mescolato di sistemi appartenenti a diversi periodi storici, una rilettura anche personalissima della tradizione. Fichera mixa sapientemente Art Decò e Barocco siciliano. Fu attivo fra Palermo e Siracusa.

Villa Iole Pantò, poi denominata come Villa Di Angelo Musco, fu ristrutturata dall'architetto catanese Francesco Fichera per l'amico. Presenta molti elementi tipici del Liberty e del Barocco, stili architettonici dominanti a Catania.
Villa Iole Pantò, poi denominata come Villa Di Angelo Musco, fu ristrutturata dall’architetto catanese Francesco Fichera per l’amico. Presenta molti elementi tipici del Liberty e del Barocco, stili architettonici dominanti a Catania. Foto: Ugo Pulvirenti

La “Casa sulla lava”

L’architetto Francesco Fichera costruisce anche Villa Messina Pantò, che lui chiama “Casa sulla lava”, eretta sulla collina del Tondo Gioeni, su un’antica colata lavica, accanto ai resti dell’acquedotto dei Benedettini che attraversa il giardino della residenza. La realizza fra 1926/27. Si trova in via Matteo Alberione, a pochi centinaia di metri di distanza dall’altra che invece non ha alcuna roccia lavica alla base. Le due costruzioni sono molto somiglianti per la struttura e soprattutto per la presenza di elementi architettonici simili e delle cuspidi in ferro battuto. Entrambe sono visibili dalla circonvallazione. Sono edifici gemelli. La villa oggi è una delle sedi della Accademia di Belle Arti.

Villa Iole Pantò: altra splendida testimonianza del Liberty a Catania

L’edificio risale circa agli anni 1918-1920. La denominazione deriva dal nome della prima proprietaria, Iole Grimaldi di Calamezzana. Come abbiamo detto, la Pantò è la “Gemella” e spesso i due edifici vengono confusi anche per la denominazione. Essa si trova sita esattamente in quella che era una volta Via Leucatia, angolo via Cardinale Nava, oggi divenuta Via Angelo Musco. Nel 1920 la villa divenne effettivamente la casa di Angelo Musco che l’acquistò e fece ristrutturare. Qui l’attore celebrò anche il matrimonio della collega e amica Rosina Anselmi, nel 1921. L’ Anselmi fu sua immancabile spalla nei film e nella compagnia teatrale da lui diretta. In questa dimora, l’attore visse felicemente assieme alla giovane moglie, la figlia d’arte e attrice Desdemona Balistrieri, da cui ebbe quattro figli, una delle quali battezzata da Vittorio Emanuele Orlando. Ad oggi la villa è sede di eventi privati.

Angelo Musco fece restaurare dall'amico architetto Francesco Fichera la villa che sormonta la circumvellazione, conosciuta da tutti come Villa Iole Pantò, splendido esempio del Liberty in città.
Il catanese Angelo Musco un attore, una maschera, uno dei più grandi comici di tutti i tempi.

Struttura

L’edificio presenta una pianta irregolare che si erige su due corpi bassi simmetrici che si affiancano lateralmente al corpo centrale, con funzione di torretta, concluso da un’edicola con cuspide in ferro battuto realizzata da Mario Manoli. Le cornici aggettanti a dentelli, le terrazze arricchite da parapetti a balaustra con anfore agli spigoli, contribuiscono a creare un equilibrio tra i vari volumi e a modulare la verticalità dell’edificio.
Tutte le aperture hanno forma rettangolare, di varia dimensione, ma ve ne sono alcune ad arco a tutto sesto.Sulla facciata laterale è collocato un balcone con ringhiera sagomata in ferro.

Dettagli della parte sommitale della facciata di Villa Iole Pantò, con le figure allegoriche poste ai lati, intente a sorreggere le maschere, chiaro riferimento all'arte di Angelo Musco, la cuspide in ferro battuto e l'iscrizione latina.
Dettagli della parte sommitale della facciata di Villa Iole Pantò, con le figure allegoriche poste ai lati, intente a sorreggere le maschere, chiaro riferimento all’arte di Angelo Musco, la cuspide in ferro battuto e l’iscrizione latina. Foto: Salvo Olimpo

Curiosità che rispecchiano la personalità di Angelo Musco

Simpatica anche l’iscrizione latina sulla facciata con questi versi, ispirati al De officiis di Cicerone: “Non domo dominus sed domino domus” (l’originale ciceriniano recitava così: “Ornanda est dignitas domo no ex domo tota quaerenda; nec domo dominus sed domino domus Honestanda est).
(Non è la casa che deve conferir decoro al padrone, ma il padrone alla casa), che la dicono lunga sulla personalità e sulla vis dell’artista catanese, rinforzati dalla presenza delle statue allegoriche che reggono delle maschere, opera dello scultore Carmelo Florio.

Fonti: cataniafanpage, https://architettisiciliani.wordpress.com. Descrizione architettonica: Sovraintedenza dei beni culturali. Foto di: Salvo Zanti (copertina).

Sabrina Port

Autore: Sabrina Port

Laureata in Lettere Moderne e specializzata in Filologia Moderna, con il sogno del giornalismo, scrive da alcuni anni su testate locali, cercando di valorizzare quanto di più bello c’è nella nostra Sicilia e a Catania.
Villa Iole Pantò: la magnifica casa dell’attore Angelo Musco ultima modifica: 2019-11-04T09:50:14+01:00 da Sabrina Port

Commenti

To Top