LEGGENDE

Templari: il mistero della Rotonda nel centro storico catanese

Cupola del complesso della Rotonda

Templari… Questa parola suscita nell’immaginario collettivo le più svariate sensazioni. Riemergono gli studi scolastici. Gli appassionati di storia iniziano a percepire l’acre odore della guerra. La maggior parte delle persone sono tuttavia portate a ritenere che questi misteriosi personaggi abbiano vissuto in un contesto assolutamente distante dal proprio. Nulla di più sbagliato. Non si sorprendano i Catanesi: anche nella nostra città ci sono tracce del loro passaggio. <<Vi è forse lo zampino di Nicolas Cage?>>, si domanderebbe qualche scettico. La risposta è: assolutamente NO. Il curioso visitatore del centro storico catanese si sarà senz’altro soffermato ad osservare una strana struttura che ricorda vagamente una costruzione araba. Si tratta del complesso di Santa Maria della Rotonda. Ebbene, questa struttura nasconde più di ciò che dimostra.

Le terme e la Chiesa

Facciata della chiesa dedicata a Santa Maria della Rotonda

Il complesso della Rotonda nasce in epoca romana, intorno al I Secolo d.C., come impianto termale. La storia ci ha dimostrato che la Sicilia ha subito continue trasformazioni. Lo stesso è accaduto per le terme della Rotonda. Dopo una fase di abbandono, infatti, questo monumentale complesso è divenuto nel VI Secolo d.C. una chiesa dedicata alla Vergine Maria. Tali informazioni sono tuttavia state rese note solo negli ultimi tempi. Nei secoli passati, infatti, si riteneva che la struttura diventata chiesa non fosse altro che il Pantheon catanese. Questa tradizione, che vedeva nella chiesa della Rotonda il principale tempio romano, è stata demolita definitivamente in seguito ai più recenti studi archeologici. La piccola chiesa fu più volte riadattata durante i secoli. Non ultimo alla fine della Seconda Guerra Mondiale, durante la quale subì pesanti danneggiamenti. Ma la domanda resta sempre quella: perché i Templari?

Una strana sepoltura

Scavo archeologico antistante in prossimità della chiesa della Rotonda

Secondo quanto emerso da alcuni studi portati avanti pochi anni fa dalla Soprintendenza ai Beni Culturali di Catania l’area antistante la chiesa era dedicata alle sepolture. Gli esperti nell’esaminare i resti funerari presenti hanno rinvenuto la salma di quello che a tutta evidenza potrebbe essere un Cavaliere del Tempio. I Templari, infatti, erano presenti sul territorio catanese e, secondo le fonti, possedevano dei feudi nella pianura attorno alla Città. Dalle ricostruzioni storiche emergerebbe che Federico II di Svevia abbia affidato a questi leggendari cavalieri proprio una chiesa in territorio catanese. La circostanza parrebbe dimostrata dalla pianta ottagonale della chiesa della Rotonda che proprio per l’intrinseco valore simbolico sarebbe stata tra le predilette dell’Ordine.

Il numero 8: la via dell’eternità

Il numero 8 assume una certa in ambito cristiano. Il tutto parte dalle parole di Agostino, il vescovo di Ippona venerato come santo dalla maggior parte dei Cristiani. “ai popoli venne concessa la vera salvezza quando, all’alba dell’ottavo giorno, Cristo risorse dalla morte“. L’8 è quindi il numero della risurrezione, il numero della salvezza eterna. Non sembra strano quindi che un ordine cavalleresco come quello dei Templari fosse legato a questo genere di cose. Oggi di questo monumentale complesso resta ben poco. A colpire maggiormente l’attenzione degli ignari visitatori è senz’altro la cupola che sovrasta la chiesa.  Magari tutto ciò resterà solo una supposizione, ma di sicuro l’infittirsi del mistero affascinerà non pochi. Certamente anche da questo punto di vista la magia di Catania resta tutta da scoprire.

Simone Centamore

Autore: Simone Centamore

Giovane catanese dedito a svariate iniziative a carattere sociale e culturale per la promozione del territorio cittadino e del talento dei suoi abitanti.

Templari: il mistero della Rotonda nel centro storico catanese ultima modifica: 2017-06-13T20:14:03+00:00 da Simone Centamore

Commenti

To Top