itCatania - Costanza II di Sicilia: figura femminile di origini regali

itCatania

PERSONAGGI

Costanza II di Sicilia: figura femminile di origini regali

Costanza II di Sicilia, donna regale dell'isola

Costanza II di Sicilia: donna regale nata a Catania

Una donna tra le personalità reali della Trinacria, che seppe portare avanti i suoi intenti. Una figura determinante nel contesto nobiliare siciliano. Costanza II di Sicilia era un personaggio femminile di cui si ha ancora memoria ai giorni nostri. Una biografia cui vale la pena approfondire.

Vita di una donna regale siciliana

Costanza II di Sicilia nacque a Catania nel 1249. Ella era figlia del re Manfredi di Hohestaufen, figlio a sua volta dell’imperatore Federico II, e di Beatrice di Savoia. Costanza d’Altavilla era la sua bisavola. Il 15 luglio 1262 sposò Pietro III d’Aragona, erede al trono. Costanza II di Sicilia rimase l’unica erede della dinastia sveva, dopo la scomparsa del cugino Corradino nel 1268. Il padre Manfredi morì due anni prima nella battaglia di Benevento. Così la donna portò il marito Pietro ad intervenire nelle vicende legate al regno di Sicilia.

Dopo l’incoronazione come re e regina d’Aragona a Saragozza nel 1276, i due coniugi furono decisi a prendere posizioni per rafforzare il regno di Sicilia. Pietro d’Aragona condusse nel 1281 una crociata contro i territori musulmani del Nord Africa. Dopodiché egli e la moglie intervennero a sostegno del popolo dell’isola nell’insurrezione dei Vespri siciliani (primavera 1282). I coniugi regali sbarcarono a Trapani, ricevendo un grande plauso. Da lì occuparono tutta l’isola, fino a scacciare Carlo I d’Angiò a Messina. Dopo l’impresa Pietro e Costanza II ricevettero l’incoronazione a Palermo, come reali di Sicilia.

Luogo di Sepoltura di Costanza II
Cattedrale di Barcellona: sarcofago della regina Costanza II

Costanza II di Sicilia: il suo potere regale dopo la morte del marito

Già, quando ancora Pietro d’Aragona viveva, Costanza II riscontrava grande riconoscimento e ammirazione da parte del popolo siciliano, sebbene di fatto governasse il marito. Nelle monete in circolazione si incidevano i nomi di entrambi. Costanza II cercò di governare la Sicilia da sé già dal 1283, a seguito della scomunica di Pietro, che tornò a Barcellona e morì due anni dopo. Durante il tempo del suo regno, varie testimonianze accertano che Costanza II seppe occuparsi della Sicilia portando avanti tutte le sue qualità. Intelligenza, mitezza, dedizione: era questo ciò che caratterizzava il suo temperamento.

Si cercò di far passare la corona ai suoi figli. Chi la ottenne tra questi fu Federico. Egli, come la madre, volle difendere la Sicilia, la quale sarebbe dovuta spettare al papa, per via del Trattato di Anagni (1294). Il popolo siciliano insorse nuovamente e i fratelli Giacomo e Federico si schierarono dalla sua parte. Il secondo fu incoronato re di Sicilia e Costanza II si trasferì in Aragona (1295). Furono gli ultimi anni della sua vita, dediti al ritiro spirituale in un convento di monache clarisse. Costanza II di Sicilia infatti era una donna molto religiosa. Ella morì a Barcellona il 9 aprile del 1302, accanto al figlio Alfonso III; dal 1852 le sue spoglie riposano nella cattedrale della città.

Significati che emergono dalla vita di una figura femminile regale siciliana

Costanza II, a differenza di Maria di Sicilia, poté portare avanti le sue ambizioni in quanto donna regale. Nel rapporto di coppia con Pietro III, ella esprimeva sempre la sua volontà, che fu decisiva per le sorti dell’isola. Il popolo siciliano colse ciò e per tale ragione la regina riceveva stima e affetto.

Costanza II di Sicilia fu una donna che non si tirava mai indietro davanti alle difficoltà legate alla gestione di un regno. Ella amava molto la sua isola e la seppe difendere per quel che poté. Manifestò pure la sua devozione alla religione, non solo durante gli ultimi anni della sua esistenza: fece costruire due monasteri. E’ riconosciuta beata dalla Chiesa cattolica e Dante, nella Divina Commedia, si riferisce a lei come un personaggio positivo “buona Costanza”. Una figura femminile storica da ricordare, che seppe dare una svolta al corso degli eventi. Costanza II è un esempio costruttivo di donna regale siciliana.

Costanza II di Sicilia: figura femminile di origini regali ultima modifica: 2021-09-02T10:00:00+02:00 da Angela Strano

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x