INTERVISTE

Trinacria Squad: l’Impero Galattico di Star Wars prende vita a Catania

Stormtrooper, Trinacria Squad

Trinacria Squad e la sua storia

Nel maggio del 1977, nel buio di una sala cinematografica, viene proiettata una pellicola destinata a sconvolgere i canoni della cinematografia moderna. Guerre Stellari. Un evento epocale, uno dei film con il maggior incasso nella storia del cinema. L’inizio di una saga e di uno straordinario fenomeno culturale. Star Wars parla di emozioni, di sensazioni e di legami. Star Wars diviene metafora della vita reale. Non si contano i fan, i saggi, le critiche e le recensioni. L’universo creato da George Lucas quarant’anni fa conserva e conferma tutt’oggi un fascino senza eguali. Non è facile parlare di una saga della quale sei perdutamente innamorata. Un’epopea che in punta di piedi riesce a toccare i tasti giusti. Continuare nella scrittura di un articolo che parli di Star Wars mi potrebbe far essere poco obiettiva, assolutamente di parte. Potrei scrivere per ore sulla magnificenza delle musiche di John Williams.

O ancora, potrei scrivere della bellezza dei costumi e delle location. Del piccolo villaggio berbero della Tunisia del sud: Tatooine. Della Reggia di Caserta e della Villa di Balbianello sul lago di Como. Potrei parlare dell’Etna, o forse utilizzarla come “pretesto” per finire questo monologo e far subentrare un’altra voce. Quella della Trinacria Squad.
La suggestiva scena in cui Anakin Skywalker passa al lato oscuro della forza è ambientata tra la lava del vulcano. George Lucas spedì una troupe cinematografica nel 2002 con il compito di catturare quella che poi verrà definita come l’eruzione perfetta. Ed è qui che mi soffermo e rivolgo la mia curiosità: a Catania. Una città che respira le atmosfere di Star Wars.

Una serie di domande rivolte a Luca Papalino, Squad Leader della Trinacria Squad; distaccamento per il Meridione della 501st Italica Garrison, facente parte della 501st Legion, l’organizzazione internazionale di fan appassionati di Guerre Stellari.

Trinacria Squad

Darth Vader e Tessek della Trinacria Squad

Trinacria Squad, 501st Legion, charity e costuming. Luca, ci fai un po’ di chiarezza in questo affascinante mondo legato a Star Wars?

La 501st Legion nasce dal sogno di alcuni appassionati americani che con grande sforzo e dedizione hanno creato un’associazione senza scopo di lucro e votata a dare gioia e divertimento alle persone, tanto che una delle attività principali è la charity, ovvero il sostegno e la partecipazione ad attività benefiche: visita agli ospedali, raccolte fondi etc… Poi rappresentiamo Star Wars in modo ufficiale, i nostri costumi sono certificati e ufficialmente riconosciuti dalla Lucas Film e oggi da Disney. Per questo si parla di Costuming e non di Cosplay.

Non percepiamo nulla per la nostra presenza alle fiere o in altri eventi, tranne quando la Disney ci chiede di sponsorizzare le sue cose. In tal caso ci danno una sorta di regalo simbolico come la possibilità di vedere i nuovi film di Star Wars gratis. Dopo averlo chiaramente pubblicizzato. Sostanzialmente ci auto-sosteniamo e con grande dedizione, passione e sacrificio cerchiamo di portare gioia e stupore alla gente. Nello specifico Trinacria Squad è una delle squadriglie dell’Italica Garrison, ovvero della rappresentanza italiana della Legione. La Trinacria Squad esiste da circa il 2010, ma è stata ufficializzata qualche anno dopo.

Come e quando è nata la passione per Star Wars?

Avevo solo otti anni quando ho visto per la prima volta un film di Star Wars. Si trattava di Guerre Stellari, quello che poi sarebbe stato nominato “Episodio IV – Una nuova speranza”. La vista di tutte quelle astronavi e delle avventure di Luke Skywalker pervasero e stimolarono subito la mia fantasia, non dimenticherò mai la mitica partita a scacchi con i pedoni 3D nel Millenium Falcon fra R2 e Chewbacca. L’impatto fu tale che cercavo ogni occasione per rivedere i film. Alla fine riuscii a farmi regalare il cofanetto VHS, oggi molto raro, che periodicamente rivedevo a mo’ di maratona durante le vacanze.

Pilota di caccia stellare di tipo TIE

Pilota di caccia stellare di tipo TIE

E cosa mi dici dell’incontro con la Legione?

Qualche anno dopo da sfegatato fan adulto, ho continuato a seguire tutte le vicende legate alla saga e ovviamente l’emozione è stata grande per le varie riedizioni e infine per la nuova trilogia. Alla fine dopo tanto interesse e peregrinare, quando mi sono trasferito a Catania, ho incontrato la Legione frequentando Etna Comics. Mi sembravano irraggiungibili. Per qualche anno li ho seguiti da lontano, poi mi sono fatto coraggio e ho deciso di fare un costume, che ho sottoposto a verifica. È stato approvato e ho finalmente avverato il mio sogno. Entrare a far parte di questo universo fantastico. Perché Star Wars vive e si sviluppa anche con Noi e noi siamo parte di questa realtà alternativa.

Tu hai scelto di vestire i panni di Darth Nihilus, uno dei Sith più oscuri e pericolosi dell’universo espanso di Star Wars. Perché questa scelta e quanto c’è di Luca in questo personaggio?

Qualcuno mi ha già chiesto come mai abbiamo scelto di rappresentare i cattivi e nel mio caso un cattivo così esagerato come Darth Nihilus. La risposta non è poi così strana o difficile: i cattivi sono più “fighi”… scherzo!!!! Ovviamente sono più accattivanti, ma il motivo principale di scegliere di essere un lord Sith è forse quello di capovolgere le regole. Di portare a nudo e sviscerare le contraddizioni dell’essere umano, di fare uscire fuori e mostrare quel lato oscuro; un lato che tutti abbiamo e così immortalarlo ed esorcizzarlo. Tant’è che rappresentiamo i cattivi, ma amiamo i bambini e i più deboli e sosteniamo le iniziative ad essi legate.

Ecco, vuoi approfondire proprio questo aspetto? Come si approccia la Trinacria Squad alla beneficenza?

Nell’ultima convention a cui la Trinacria Squad ha partecipato, l’attività ludica proposta ai visitatori è stata collegata ad una raccolta di beneficenza. Abbiamo instaurato diversi contatti alla realizzazione e alla partecipazione di eventi rivolti a questo aspetto. Al medesimo modo lo faremo anche per Etna Comics. Collaboreremo con un’altra attività benefica. Insomma invito tutti ad unirsi a noi e vivere questo sogno in una “Galassia lontana lontana….”

Si ringraziano i fotografi Sarah Camilletti e Salvo Giuffrida per gli scatti.

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Vivo a Catania, ho una passione viscerale per la musica, suono il pianoforte e colleziono vinili. Scrivo da quando ne ho memoria e guardo film da ancora prima. Quando qualcuno mi chiede in cosa credo rispondo di essere marxista, tendenza Groucho, perché credo che l’ironia sia la massima forma di libertà.

Trinacria Squad: l’Impero Galattico di Star Wars prende vita a Catania ultima modifica: 2017-06-11T20:56:55+00:00 da Cristina Gatto

Commenti

commenti

To Top