ARTE

“Street Art in Sicilia, Guida ai luoghi e alle opere”

Presentazione del nuovo libro di Mauro Filippi, Marco Mondino e Luisa Tuttolomondo alla libreria Vicolo Stretto di Catania

Esistono infiniti modi per raccontare un territorio. Chi ama viaggiare e scoprire nuovi posti, di solito si munisce di mappe e guide turistiche per prepararsi a nuove esperienze di viaggio.

Presentazione del libro “Street Art in Sicilia, Guida ai luoghi e alle opere” presso la libreria Vicolo Stretto

Alla libreria Vicolo Stretto di Catania si è tenuta la presentazione di “Street art in Sicilia. Guida ai luoghi e alle opere”, regalando ai presenti nuovi modi di vedere e vivere il proprio territorio. “Street Art in Sicilia” è una guida pensata per offrire prospettive nuove ed inesplorate rispetto ad un territorio, in questo caso della Sicilia. Frutto del lavoro di Mauro Filippi, Marco Mondino e Luisa Tuttolomondo, i tre autori hanno studiato e mappato il fenomeno dell’arte urbana in Sicilia, raccontandolo nel loro nuovo libro.

La nuova guida "Street Art in Sicilia". Fonte: TgCom 24

La nuova guida “Street Art in Sicilia”. Fonte: TgCom 24

La street art siciliana raccontata nella nuova guida

Attraverso percorsi, mappe e descrizioni di opere e artisti, la guida raccoglie oltre 300 fotografie scattate in più di 30 città siciliane. Strutturato in 256 pagine, il volume mostra le opere più rappresentative realizzate in Sicilia: dal muralismo artistico fino ad arrivare agli interventi che interagiscono con gli oggetti urbani più comuni. Dalle vie dei centri storici delle grandi città siciliane come Palermo, Catania e Messina con i loro quartieri periferici, si giunge alle province meno conosciute.

Nella guida vengono raccontate anche le “fratture urbane” che la nostra terra ha subito a causa della speculazione edilizia, dell’incuria e dell’abbandono. Descrivendone i lati positivi, nonché (aimè!) quelli negativi che la nostra terra offre, gli autori del libro sono riusciti a ricostruirne la memoria ed esplorare il ruolo dell’arte nella “riattivazione” di questi luoghi.

Il nuovo libro di Mauro Filippi, Marco Mondino e Luisa Tuttolomondo "Street Art in Sicilia" presentato alla libreria Vicolo Stretto di Catania

Il nuovo libro di Mauro Filippi, Marco Mondino e Luisa Tuttolomondo “Street Art in Sicilia” presentato alla libreria Vicolo Stretto di Catania

Writing e street art catanese

Partendo da Palermo si giunge a Catania, la città siciliana con la storia più consolidata sia nel campo della street art che in quello del writing. Il quartiere Civita, il Teatro Coppola Occupato e la Palestra Lupo ospitano collezioni di opere di vari autori. Il quartiere Librino, area residenziale concepita negli anni ’60 dall’architetto giapponese Kenzo Tange, è una di quelle opere rimaste incompiute a causa di collusioni tra mafia a politica.

Nel quartiere, noto per “La porta della bellezza” (un monumento della Fondazione Fiumara d’Arte di Antonio Presti che ha coinvolto le scuole del quartiere), la street art è arrivato nel 2012 con l’occupazione dello spazio abbandonato di Campo San Teodoro. Le associazioni che l’hanno occupata sono da anni impegnate in ambito educativo e sociale. La struttura è diventata sede di moltissime iniziative, mostrandosi sostenitrice del progetto Sky Line Distreet, pensato per migliorare le condizioni di vita e di decoro urbano del quartiere.

La guida ci accompagnerà lungo la Sicilia per conoscere la street art nostrana. Un’isola che, con la sua contemporaneità, continua a fare dell’arte strumento di riflessione, denuncia, identità e bellezza.

Valentina Friscia

Autore: Valentina Friscia

Chi sono io? Un’amante della vita, della lettura, degli animali e della propria città. La versatilità è una delle mie virtù, così come l’enorme pazienza nei confronti del genere umano. L’amore per i libri e per la scrittura mi ha permesso di accedere ad un mondo fino a poco tempo fa sconosciuto: l’arte del giornalismo con tutte le sue sfaccettature.

“Street Art in Sicilia, Guida ai luoghi e alle opere” ultima modifica: 2017-09-26T09:07:37+00:00 da Valentina Friscia

Commenti

commenti

To Top