FOOD & DRINK

Le 5 prelibatezze da non perdere a Catania

Minne di Sant'agata tipiche della tradizione catanese

Se state programmando di fare un viaggio in Sicilia dovete sapere che la nostra bellissima isola, oltre a lasciarvi nel cuore molti piacevoli ricordi, vi regalerà anche qualche chilo in più. Infatti, le leccornie siciliane sono molto conosciute nel mondo, ma pochi sanno che il loro gusto eccezionale potrebbe trasformarvi in un “arancinu che peri” (termine siciliano che sta ad indicare una persona in sovrappeso). Viaggiare significa immedesimarsi nella vita quotidiana delle persone del luogo e diventare parte integrante di una nuova città. Per i siciliani il cibo riveste un ruolo molto importante, quasi sacro. Quindi, se state progettando un viaggio nella nostra terra, dimenticate le note catene di fast food e provate a mangiare come i siciliani.

La cucina siciliana è molto varia e vanta di una lunga tradizione. Per questo noi di ItCatania abbiamo deciso di stilare una lista con le 5 squisitezze che non potrete non assaggiare appena arrivati sull’isola.

Cannolo di ricotta tipico della Sicilia. Fonte: Siciltop

Cannolo di ricotta tipico della Sicilia. Fonte: Siciltop

Cannolo di ricotta

Il vero cannolo siciliano prevede il ripieno con ricotta fresca di pecora. Molte pasticcerie hanno introdotto da molti anni anche il ripieno con crema al cioccolato, ma nella ricetta tradizionale è la ricotta il vero protagonista.

Arancino/a

L’arancino/a al ragù in Sicilia è quasi considerato una divinità. Può essere mangiato ad ogni ora del giorno: come piatto unico a pranzo o cena oppure come un delizioso spuntino che accompagna qualcos’altro. Non solo al ragù: negli ultimi anni sta avendo un discreto successo anche in diversi gusti. Ricordiamoci però che la tradizione, così come vi ho accennato per il cannolo, prevale sulle novità, e l’arancino/a con il ragù è quello più richiesto e più amato. Questa prelibatezza siciliana unisce l’isola, ma allo stesso tempo la divide in due. C’è chi sostiene che si chiami Arancino e chi invece Arancina. Esiste però una soluzione, analizzata da noi di ItCatania in un precedente articolo, che dovrebbe mettere d’accordo un po’ tutti. Qualunque sia il suo nome, noi siciliani andiamo fieri di averlo come cibo tradizionale siciliano.

Granita siciliana

Sia se visiterete la Sicilia nel periodo estivo oppure in quello invernale non potrete non gustarvi per colazione una granita con brioche. Diffidate da chi sostiene che la granita siciliana è buona in ogni parte dell’isola. Le migliori granite si trovano a Catania con i suoi gusti classici (come mandorla, gelsi e limone) ma anche quelli più disparati. Se accompagnerete la vostra granita con una “brioscia co tuppo”, avrete provato l’apoteosi del gusto.

Granita e brioche: un must per chi viene a Catania

Granita e brioche: un must per chi viene a Catania

Tavola calda di Sicilia

La rosticceria siciliana comprende un grandissimo numero di pezzi di “tavola calda”. La Cartocciata è considerata un must per chi intraprenderà un viaggio a Catania. La sua pasta morbida e dolce quasi come una brioche, farcita con prosciutto cotto, mozzarella e pomodoro, delizierà il vostro palato.

Dolci tradizionali della festa di Sant’Agata

Se dal 2 al 6 febbraio oppure il 17 agosto vi trovate a Catania non perdetevi assolutamente la festa della patrona catanese Sant’Agata. Tanti sono i dolci della tradizionale festa, come ad esempio le famose Minne di Sant’Agata. Esse vengono considerate il simbolo della devozione della città per la sua protettrice. Tanto famose e “impudiche” sono citate anche nel Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Le minne, evocative per la forma dei seni strappati alla fanciulla nel martirio, sono piccole cassatelle con una base di pan di Spagna ammorbidito da una bagna di rosolio e ripiene di ricotta e scaglie di cioccolato amaro. Il tutto è poi ricoperto da una glassa candida e una ciliegia candita rossa, a fregio di capezzolo.

Valentina Friscia

Autore: Valentina Friscia

Chi sono io? Un’amante della vita, della lettura, degli animali e della propria città. La versatilità è una delle mie virtù, così come l’enorme pazienza nei confronti del genere umano. L’amore per i libri e per la scrittura mi ha permesso di accedere ad un mondo fino a poco tempo fa sconosciuto: l’arte del giornalismo con tutte le sue sfaccettature.

Le 5 prelibatezze da non perdere a Catania ultima modifica: 2017-10-23T10:21:13+00:00 da Valentina Friscia

Commenti

commenti

To Top