UNICT

Studenti Erasmus a Catania: una realtà sempre più forte

Welcome day

Catania, città di fuoco e di mare, di arrivi e partenze, di speranze e di amarezze. Con la sua vita notturna, i vicoli intrisi di storia e il calore della sua gente, è la terra ideale per gli stranieri che intendono trasferirsi qui per un breve o lungo periodo.

Erasmus plus 2017

In particolare, la nostra città è la perfetta meta per gli studenti del cosiddetto progetto Erasmus plus.
All’inizio di quest’anno accademico, circa 150 universitari originari di tutta Europa e non solo sono giunti qui per studiare presso l’Università degli Studi di Catania.
Ragazzi e ragazze inglesi, francesi, provenienti dai paesi del Nord o dell’Est, ma soprattutto spagnoli ogni anno si confrontano con i colleghi italiani.

Il 2 ottobre poi si è tenuto il tradizionale “Welcome Day” per dare il benvenuto nonchè informazioni utili a tutti i partecipanti del Programma di interscambio. Ricordiamo poi che proprio quest’anno, ricorre la celebrazione dei trent’anni dalla fondazione del progetto, e per l’occasione sono stati organizzati anche a Catania, vari eventi: concerti, conferenze, mostre d’arte.

Erasmus

Erasmus

Catania ama gli Erasmus

Se trascorrete le vostre serate nei pressi di Piazza Teatro, il centro pulsante della movida catanese, magari di mercoledì il giorno dedicato alle uscite universitarie, vi sarà di certo capitato di partecipare a serate dedicate agli Erasmus

Molte sono poi le agevolazioni in termini di costi previsti per i giovani d’oltralpe. Inoltre esistono varie associazioni che si occupano di rendere più piacevole e semplice la permanenza degli studenti.

Una di queste è AGEE Catania, che con il “Progetto Anfitrione” offre un sistema di tutoraggio didattico agli studenti, per la migliora integrazione possibile.

Il centro di Catania

Il centro di Catania

… E viceversa!

Ma cosa ne pensano gli studenti europei di questa esperienza? Leggendo sulle piattaforme dedicate le opinioni sono abbastanza positive.

La scelta di Catania da parte di questi ragazzi è legata alla voglia di imparare una nuova lingua e approfondire il proprio campo di studi. Ma anche quello di conoscere luoghi mai visti e pieni di tradizioni artistiche, letterarie e culinarie sicuramente affascinanti.

Ad esempio sul forum “Erasmusu.com” Consuelo, una ragazza portoghese che ha sostato in Italia lo scorso anno per studiare Legge, scrive entusiasta della sua esperienza, sia a livello accademico che a livello umano. “La sera c’era sempre qualche serata dove andare o al limite qualche festa organizzata all’ultimo nei nostri alloggi. Il lunedì all’Ostello, il mercoledì in Piazza Teatro e il giovedì al Carlitos. Arrivavi il weekend che non avevi più voglia di uscire! Incredibile ma vero“.

Ma ciò che colpisce maggiormente questi ragazzi probabilmente è il rapporto viscerale che si instaura con gli universitari italiani. Non più solo colleghi ma ben presto si diventa amici fraterni. Si condividono gioie e dolori, ci si aiuta e  arricchisce a vicenda. Spesso l’amicizia nata tra una birra e una lezione, continua anche quando gli studenti ritornano ognuno nelle rispettive nazioni di appartenza. Molti di loro poi ritornano in Sicilia in vacanza negli anni seguenti o al contrario ospitano nelle proprie case gli amici catanesi.

Alice Calliope Spoto

Autore: Alice Calliope Spoto

Classe 1992. Nata in Svizzera e tornata nella sua Sicilia in tenera età, negli anni dell’università sceglie Catania come la città più affine al suo spirito contradditorio. Laureata in Beni culturali, ha scelto di seguire le viscere e continuare gli studi nell’ambito della comunicazione per poter approdare di tutto diritto nel mondo del giornalismo culturale e dell’editoria. Lunatica e con la testa perennemente tra le nuvole, scrive di arte, cultura, letteratura e spettacolo sul web, in attesa di trovare il fegato di scrivere il suo romanzo nel cassetto. Delle cianfrusaglie.

Studenti Erasmus a Catania: una realtà sempre più forte ultima modifica: 2017-11-08T10:49:40+00:00 da Alice Calliope Spoto

Commenti

commenti

To Top