ARTE

Arte al Centro: l’incontro di Arte, Bellezza e Sinergie

Arte al Centro, Catania

Nei giorni scorsi mi sono ritrovata a pronunciare le parole Arte al Centro ad alta voce. Qualcuno direbbe che sono distratta, un po’ fuori dai gangheri. Altri, invece, andrebbero a classificare questi episodi come dei piccoli colloqui privati. Qualcuno, più lungimirante, direbbe altro. Direbbe che la mia epifora non era altro che un modo per riflettere. Per carpirne il significato. L’essenza. Qualcuno potrebbe consigliarmi di scrivere: Arte al Centro è un’associazione culturale. O ancora:  è un’associazione culturale e una realtà artistica. La Galleria di Arte al Centro è sita in piazza Manganelli. No, neanche così andrebbe bene. Arte al centro è…

"<yoastmark

Arte, bellezza e sinergia. Semplicemente Arte al Centro

À rebours, Arte al Centro esonda dagli argini che la vedono solo come associazione culturale. Sì, nasce proprio con questo intento e me lo conferma anche uno dei fondatori: Salvo Trombetta. Avvocato e artista. Uomo di legge e uomo d’arte. Ma sarebbe alquanto limitante definirla solo come associazione. Arte al Centro è un incontro. Un banchetto conviviale. Un’esplosione di colori, di quadri, di sculture, di fotografie. Una realtà che si immerge di bellezza, di arte e di sinergie. L’incontro e la realizzazione di uno spazio in cui parlare di arte. Senza sovrastrutture, senza gli intelletti noiosi e boriosi. Senza riserva alcuna. Un luogo in cui un buon bicchiere di vino diventa solo un pretesto per parlare liberamente. Un’associazione che sulla stessa scia di Centro Contemporaneo, vuole riqualificare una delle più belle zone di Catania.

L’avvocato Trombetta parla di obiettivi. Parla di come l’intento era quello di coinvolgere altri pittori, altri fotografi, altri artisti. Di parlare alle persone tramite l’arte e discorrere dell’arte. In una commistione di stili e di influenze. A decantare versi, a reagire alla routine e alla politica tramite un atto poetico. Un atto che rivoluziona i concetti stantii che vede l’arte solo come materia degli addetti ai lavori. Un magnifico susseguirsi di collettive personali e fotografiche. Una straordinaria collaborazione con il Teatro Machiavelli per un respiro che diventa sempre più ampio. Un passo alla volta. Ed ancora bellezza, arte ad immergere gli avventori della Galleria, degli spazi che perdono la loro staticità, ma somigliano a delle performance. Ad un atto live unico che diventa irripetibile grazie all’interazione con il pubblico, fulgido fruitore.

Arte al Centro, Galleria

Arte al Centro, Galleria

Arte, arte e ancora arte

Un progetto che vuole dare voce a tutti gli artisti. Alle eccellenze che non hanno la possibilità di esprimersi. Un luogo in cui mettere da parte la timidezza. L’avvocato Salvo Trombetta, continua a parlare e parla di Catania. Parla dei catanesi, del fermento e di quell’enorme potenziale artistico. Mi parla anche del concerto per campane e sirene tenuto l’anno scorso. Del valenciano Llorenç Barber, il musicista che fa risuonare le campane in giro per il mondo e che la nostra città ha avuto l’onore di ospitare. Un evento meraviglioso, il centro storico aperto solo ai pedoni e la galleria dell’associazione gremita di gente entusiasta. Di persone che esclamavano “Che bello, mi sto rilassando”. Pare poco, eh? Eppure, abituati come siamo, tra mille impegni, riuscire a rilassarsi e farsi cullare dall’arte non è cosa da poco.

Ad Arte al Centro, che si autosovvenziona e che recupera una porzione di città, si discorre amabilmente tra sconosciuti. È l’arte a far conoscere. Una spinta che emerge, vulcanica e dirompente. Viva, fatta di parole e di visioni. Vibrazioni e chiaroscuri. La deriva delle emozioni di Arte al Centro è sconfinata e apre alle possibilità di esperienze libere dalle catene. A dimenticarci delle nostre catastrofi temporanee o permanenti, a sparigliare le carte, a parlare d’arte o semplicemente osservarla; per esistere fuori dalla palude della sopravvivenza.

Foto di Chiara Di Salvatore

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Vivo a Catania, ho una passione viscerale per la musica, suono il pianoforte e colleziono vinili. Scrivo da quando ne ho memoria e guardo film da ancora prima. Quando qualcuno mi chiede in cosa credo rispondo di essere marxista, tendenza Groucho, perché credo che l’ironia sia la massima forma di libertà.

Arte al Centro: l’incontro di Arte, Bellezza e Sinergie ultima modifica: 2017-06-20T11:42:56+00:00 da Cristina Gatto

Commenti

commenti

To Top